sabato, 10 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaBabbo Natale porta i regali...

Babbo Natale porta i regali anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

-

Come fa Babbo Natale a consegnare i regali con il Covid? Non deve rimanere al Polo Nord? Non c’è la zona rossa anche lì? Se lo chiedono i bambini e lo domandano ai loro genitori. È un anno fuori dall’ordinario anche per i più piccoli questo 2020, che li ha visti per la prima volta indossare mascherine, stare alla larga dai nonni e smettere di abbracciare gli amici.

Il Natale sarà diverso dal solito, e anche se ancora non si conoscono con precisione le direttive del governo riguardo al periodo delle feste, una cosa è certa, i bambini avranno comunque il diritto di festeggiare. Per sapere come spiegare al meglio ai piccini questo “Natale alternativo” Il Reporter ha chiesto consiglio a Francesca Mugnai, psicologa dell’Ospedale Pediatrico Meyer.

“Il Covid? Bambini, è passato anche da Babbo Natale, ma lui è forte”

“Mi piace pensare che in qualche modo il Covid sia passato anche al Polo Nord però Babbo Natale è forte e ci sarà anche quest’anno per i bambini di tutto il mondo”, spiega sorridendo. “Mentre la reazione degli adulti alla prima ondata è stata di esternazioni di coraggio e resistenza, questa seconda ondata ha portato un velo di malinconia, che anche i bambini percepiscono”, continua.

Ma come si fa a non lasciarsi travolgere e a passare un Natale sereno insieme ai bambini? Partendo dal presupposto che non esiste una ricetta magica, “la chiave potrebbe essere quella dell’aver cura, senza strafare. Essendo un anno fuori dall’ordinario, si merita anche delle cure speciali – continua Francesca Mugnai – . E allora perché non dedicare del tempo in più a quei gesti che accompagnano l’avvicinarsi delle feste come fare l’albero, preparare la tavola, creare decorazioni coinvolgendo attivamente i bambini”.

“È vero, i bambini si aspettano di passare le feste con nonni, zii e cugini e questo forse non sarà possibile, ma sposterei l’attenzione su quello che si può fare piuttosto che sul tono depressivo di quello che manca”.

Babbo Natale porterà i regali anche se c’è il coronavirus, ma attenzione a non esagerare

“Certo, consegnerà i regali, ma attenzione a non strafare. Non possiamo addobbare la realtà per tentare di camuffarla. La tentazione potrebbe essere quella di saturare gli spazi vuoti esagerando. Invece si dovrebbe avere attenzioni per i più piccoli e per la dimensione familiare senza andare oltre il limite. Anche il Natale 2020 dovrebbe essere sobrio, come gli altri anni”.

La malinconia e la depressione si combattono col fare – continua la psicologa del Meyer -. Potrebbe essere un’occasione per dare un nuovo significato alla natività. Non necessariamente un significato religioso, ma la spinta per una ripartenza, per continuare ad avere speranza”.

Ultime notizie