domenica, 29 Marzo 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica La Fondazione di Andrea Bocelli...

La Fondazione di Andrea Bocelli in San Firenze

Bocelli “vicino di casa” di Zeffirelli. La fondazione del celebre tenore apre la sua sede nell'ex tribunale di San Firenze, che già al primo piano accoglie il museo del maestro del cinema

-

La Andrea Bocelli Foundation trova casa in San Firenze, in quello che fino a pochi anni fa era il tribunale della città e oggi è sempre più un luogo della cultura e dell’arte. Al secondo piano dell’edificio barocco, che già ospita al primo la Fondazione e il museo Zeffirelli, troveranno posto non solo uffici, ma anche spazi espositivi e polifunzionali aperti alla comunità e soprattutto ai giovani.

Cosa succederà nella Fondazione Andrea Bocelli di San Firenze

La fondazione istituita nel 2011 dal tenore italiano più noto nel mondo avrà qui la sede operativa (quella legale rimane a Lajatico, paese natale del cantante), in più realizzerà laboratori stabili o temporanei per la cittadinanza, i giovani e gli studenti, con l’obiettivo di far superare i limiti imposti dal disagio socio-economico e di sostenerli in tema di vocazione e orientamento formativo e professionale.

L’idea è quella di creare “laboratori vivi”: workshop, manifestazioni, incontri con artisti e personalità nazionali e internazionali, a partire dallo stesso Bocelli. Uno spazio sarà destinato al libero accesso dei giovani che così potranno suonare strumenti e animare la sede del complesso di San Firenze.

Andrea Bocelli Firenze Fondazione ex Tribunale San Firenze
Foto: pagina Facebook Andrea Bocelli Foundation

La Fondazione Andrea Bocelli a Firenze avrà in comodato d’uso gratuito per 29 anni gli spazi dal Comune e si occuperà della manutenzione ordinaria e straordinaria, per restituire agli ambienti la bellezza e il valore di un tempo. “Ritengo che questa complessa ma appassionante operazione – ha sottolineato Bocelli – rappresenti l’avvio di un circolo virtuoso e sono felice che il rapporto tra la fondazione e Firenze possa trovare tangibile espressione in un luogo, nel cuore della città e a disposizione della città stessa, e delle sue nuove generazioni”.

Lo scorso gennaio il sindaco Dario Nardella aveva presentato un masterplan per i nuovi luoghi di cultura in città, tra cui anche il progetto per San Firenze. “Siamo davvero felici che prenda avvio questa proficua collaborazione e che il complesso di San Firenze, vero e proprio scrigno nel cuore della città, si configuri sempre di più come il palazzo deputato alle arti, alla cultura e alla solidarietà”, ha detto il primo cittadino.

Il tenore e la città, Bocelli e Zeffirelli

Si consolida così il legame tra Firenze e la Andrea Bocelli Foundation, maturato negli anni, attraverso eventi come la Celebrity Fight Night in Italy, che grazie al Maestro Bocelli ha portato nel capoluogo toscano ospiti d’eccellenza (dalla Regina Rania di Giordania a George Clooney a Sharon Stone), focalizzando sulla città in più occasioni i riflettori internazionali. Ed è stato proprio il cantante e filantropo toscano, insieme a “Voices of Haiti”, compagine corale frutto di un progetto realizzato da ABF, ad inaugurare nel 2017 il Centro Internazionale per le arti dello spettacolo Franco Zeffirelli, coinquilino del complesso San Firenze situato nell’omonima piazza.

Ultime notizie

Coronavirus, il bonus da 600 euro anche ai professionisti

Il bonus da 600 euro esteso anche ai professionisti delle casse private con il decreto del ministro Catalfo: a chi spettano

Coronavirus in Toscana: la mappa del contagio e le ultime notizie (27 marzo)

Le ultime notizie sul contagio da coronavirus in Toscana, aggiornamento del 27 marzo: la mappa, il numero dei casi, i dati per provincia

Coronavirus in Toscana: i dati e le notizie del 28 marzo

I dati del contagio restano alti: 252 nuovi casi e 21 morti, ecco le ultime notizie sul coronavirus nel bollettino della Toscana del 28 marzo

Paghi oggi, mangi domani: i dining bonds anche a Firenze

Funzionano come un voucher: lo acquisti oggi e ti godi la cena a fine quarantena. I dining bonds arrivano anche a Firenze e dintorni