venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Grecia, Spagna, Croazia: l'obbligo di...

Grecia, Spagna, Croazia: l’obbligo di quarantena per chi torna in Italia dall’estero

Quali regioni prevedono la quarantena obbligatoria e il tampone per chi torna in Italia da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

-

Finite le vacanze si va dritti in isolamento. Alcune regioni hanno disposto la quarantena obbligatoria per chi torna dalla Grecia, rientra dalla Croazia, dalla Spagna, da Malta (mentre al momento la Francia non fa parte della lista): dall’ordinanza della Regione Puglia al tampone obbligatorio in Emilia Romagna, gli enti locali hanno adottato provvedimenti in modo autonomo. Ai quali si è poi aggiunto il governo con l’ordinanza del Ministero della Salute: nessuna quarantena per chi torna dai paesi a rischio, ma obbligo di tampone.

Di fatto, anche quella stabilita dalle Regioni non è necessariamente una vera e propria quarantena. C’è l’obbligo di mettersi in isolamento, ma se il tampone – che in linea di massima viene effettuato trascorse 48 ore dal rientro – risulta negativo, si è liberi di interrompere la quarantena e riprendere la vita normale.

Quarantena per chi torna in Italia dall’estero: da quali paesi?

Sotto la lente sono alcune delle mete vacanziere più gettonate del Mediterraneo, visto che un numero consistente dei casi rilevati nelle ultime settimane riguarda proprio chi è tornato da lì dopo le ferie. Alcune regioni stanno prevedendo misure restrittive che si aggiungono a quelle già in vigore sulla quarantena per chi torna in Italia dall’estero.

Su quali sono i paesi per i quali è richiesta la quarantena o il tampone, regioni e il governo sono perfettamente allineati: Spagna, Grecia, Malta e Croazia.

Bonus vacanze 2020, l’elenco di hotel e strutture che lo accettano

Ordinanza del ministero: obbligo di tampone, non di quarantena

Per chi rientra da questi paesi, l’ordinanza del Ministero della Salute non ha previsto la quarantena ma ha introdotto l’obbligo di tampone. In particolare, chiunque abbia soggiornato o transitato in Spagna, Grecia, Croazia o Malta nei 14 giorni precedenti, al rientro in Italia dovrà:

  • mostrare il certificato di un tampone effettuato nelle 72 ore precedenti (dunque eseguito all’estero) il rientro e risultato negativo

oppure:

  • avrà l’obbligo di sottoporsi a un tampone: direttamente in aeroporto, se possibile, oppure presso la propria azienda sanitaria locale di riferimento entro 48 ore.

Il provvedimento è in vigore dal 13 agosto e resterà valido fino al 7 settembre.

Ibiza, Formentera, Canarie: la quarantena per chi torna dalla Spagna

In questi paesi la circolazione virale è maggiore che in Italia e nelle ultime settimane i numeri dei contagi sono aumentati di molto. In Spagna, ad esempio, la curva del contagio si era appiattita a giugno. Nel mese di agosto il paese ha invece registrato una nuova impennata, senza mai scendere sotto i duemila casi al giorno, con punte di 5.760 nuovi positivi in un giorno solo. Vero che la maggior parte di questi si verificano nella Spagna continentale, soprattutto in Catalogna. Ma anche nelle isole Baleari – Ibiza, Formentera, Maiorca –, mete turistiche tra le più gettonate in Europa, la tendenza è decisamente al rialzo. Per questo alcune regioni stanno introducendo la quarantena obbligatoria per chi rientra dalla Spagna.

Viaggi all’estero e coronavirus: in quali paesi si può viaggiare nell’estate 2020

Obbligo di quarantena per chi torna dalla Grecia

In Grecia il coronavirus ha colpito in modo meno aggressivo che in altri paesi europei. I dati ufficiali parlano di neanche 6 mila casi registrati dall’inizio della pandemia. Ma proprio in questo agosto il paese sta osservando il picco massimo dei contagi giornalieri, con medie più alte rispetto anche ai mesi di marzo e aprile. Anche in questo caso, alcune Regioni hanno stabilito che chi torna dalla Grecia deve fare la quarantena.

Quarantena per chi rientra dalla Croazia

Stesso discorso, in scala più piccola, vale per Malta: anche qui il coronavirus ha rialzato la testa proprio nel mese di agosto, quello con il maggior afflusso di turisti.

Molti i casi di ritorno anche dalla Croazia: quarantena con obbligo prevista da alcune delle ordinanza regionali emanate in questi giorni anche per chi torna dalle spiagge dell’Adriatico.

Viaggiare in auto, nuovo decreto: in quanti si può andare in macchina?

Chi rientra dalla Francia deve fare la quarantena?

Nonostante l’aumento dei casi di coronavirus che si registra Oltralpe, al momento non è prevista la quarantena per chi rientra in Italia dalla Francia, misura decisa invece dal Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord) con 14 giorni di isolamento.

Obbligo di quarantena, in quali regioni?

Come spesso successo durante l’emergenza Covid, le regole per la quarantena sono diverse di regione in regione: dalla Puglia, alla Campania, passando da Campania e Sicilia sono state emesse delle ordinanze locali. Vediamo questa “mappa della quarantena”.

Spagna, Grecia, Malta e Croazia, quarantena obbligatoria: l’ordinanza della Regione Puglia

L’ordinanza della Regione Puglia invece dispone la quarantena obbligatoria per chi torna dalla Grecia, dalla Croazia, dalla Spagna e da Malta: quattordici giorni di isolamento fiduciario dopo il rientro dalle vacanze.

Ma, come precisato dalla Regione stessa, chi rientra da questi paesi sarà sottoposto a tampone “non prima di 72 ore dal rientro in Puglia”. Resta ora da capire se questo arco di tempo verrà ridotto a 48 ore per adeguarsi all’ordinanza nazionale. Se il tampone risulta negativo e i soggetti non hanno sintomi compatibili con il Covid 19, la quarantena sarà interrotta.

  • Il testo completo dell’ordinanza della Regione Puglia sulla quarantena obbligatoria

Ordinanza della Regione Campania: quarantena per chiunque sia stato all’estero (fino al tampone)

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato un’ordinanza più restrittiva di quella nazionale che impone ai residenti campani che rientrano da tutti i Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen (non solo da Spagna, Grecia, Croazia e Malta) il tampone, con quarantena obbligatoria fino all’esito negativo del test.

Entro 24 ore dal rientro ci si deve segnalare alle autorità sanitarie per essere sottoposti a tampone o test sierologico. In caso di esito negativo, si sarà liberi di interrompere l’isolamento.

In Toscana tampone gratis per chi rientra dall’estero

In Toscana un’ordinanza del presidente Enrico Rossi dà la possibilità a tutte le persone che arrivano nella regione da Paesi dell’Unione Europea o dell’area Schengen la possibilità di fare gratis il tampone.

Per chi rientra in Toscana da Spagna, Grecia, Croazia e Malta è obbligatorio registrarsi online e l’Asl competente per territorio contatterà direttamente gli interessati entro 24 ore per sottoporli a test Covid molecolare o antigenico. Per informazioni è attivo il numero verde regionale 800556060.

Emilia Romagna, Lazio e Sicilia

In Emilia Romagna il provvedimento regionale è stato superato dall’ordinanza nazionale del Ministro della Salute Roberto Speranza. Nel Lazio il rientro da Spagna, Grecia, Croazia e Malta va segnalato chiamando il numero verde 800.118.800 o con l’app “Lazio Doctor Covid”, mentre per il tampone è possible recarsi ai punti drive-in con tessera sanitaria e documento di viaggio. Registrazione obbligatoria anche in Sicilia sul sito www.siciliacoronavirus.it.

Ultime notizie

Covid in Toscana, oggi contagi in aumento: i dati del 4 dicembre

I numeri sull'andamento dei contagiati in Toscana: continua il saliscendi dei nuovi casi. I dati del bollettino del 4 dicembre 2020

Dove vedere Fiorentina Genoa in tv: Sky o Dazn?

La Fiorentina si appresta ad incontrare il Genoa allo Stadio Artemio Franchi. Il match si terrà lunedì 7 dicembre alle 20.45.

Bar: quando possono stare aperti secondo il Dpcm del 3 dicembre

Quando possono stare aperti i bar secondo il dpcm del 3 dicembre, regole e novità anche per Natale, Santo Stefano e Capodanno

Quando posso andare dal parrucchiere in un altro comune vicino

Per la messa in piega si può sconfinare? E andare da un parrucchiere che si trova in un comune contiguo al proprio? Cosa dicono le regole per gli spostamenti in zona rossa e arancione