martedì, 7 Febbraio 2023
- Pubblicità -
HomeSezioniEventiLa riapertura del Cinema Astra...

La riapertura del Cinema Astra di Firenze, con poltroncine a scomparsa

Un po' banca, un po' cinema con un sistema di sedute a scomparsa che permetterà alla storica sala in piazza Beccaria di ospitare non solo film e rassegne, ma anche incontri e concerti. LE FOTO

-

- Pubblicità -

Dopo 9 anni di stop, il 26 gennaio 2023 è fissata finalmente la riapertura Cinema Astra 2 in piazza Beccaria a Firenze in una veste del tutto innovativa: oltre alla nuova filiale della Banca di Cambiano, proprietaria dell’edificio, sarà attivata la nuova sala dotata di un avanzato sistema di sedute a scomparsa. Le poltroncine potranno così nascondersi sotto il pavimento, lasciando lo spazio libero di adattarsi ad ospitare eventi tra i più diversi, come incontri, convegni, conferenze, presentazioni di libri e ancora piccoli concerti e performance.

Per l’occasione sono in programma 4 giorni di inaugurazione, a gennaio, durante i quali saranno presenti ospiti e si svolgeranno proiezioni, incontri ed eventi per capire come il pubblico si approprierà di questo nuovo spazio. La riapertura del luogo è stata resa possibile grazie al regolamento urbanistico del Comune di Firenze del 2015, che tutela sale cinematografiche e teatri, e che prevede un riutilizzo del 60% a fini culturali delle sale cittadine dismesse e un 40% per cambio d’uso. Il progetto della struttura, completamente rinnovata e modificata rispetto agli spazi precedenti, è stato realizzato dallo studio di architettura Archea di Firenze.

Cinema Astra 2 a Firenze: tutte le novità della riapertura

- Pubblicità -

Quella del Cinema Astra 2 è stata un’impresa complessa di reinvenzione degli spazi pur rispettando gli elementi originari del luogo. La sala cinematografica, di forma quadrata, ospiterà circa 100 posti e avrà uno schermo di 8 metri, ma non sarà solo cinema: vestirà infatti i panni di un vero e proprio spazio polifunzionale, che possa in futuro dialogare anche con le altre realtà fiorentine, attivo 7 giorni su 7 (con orario continuato dalle ore 10:00/10:30 del mattino fino a mezzanotte) e aperto anche in estate. In altre parole, un’assoluta novità per la città di Firenze. Un Cinema Astra fatto non solo di film ma anche di eventi diversificati, grazie al particolare sistema di sedute a scomparsa che permette allo spazio di rimodularsi in base alle esigenze.

La gestione e la programmazione degli spettacoli cinematografici, affidata a Prg e Fondazione Stensen, spazierà dai titoli d’essai ai grandi film in lingua originale, dai classici del cinema ai documentari, con eventi dedicati ad autori italiani e stranieri. Un modello di cinema eclettico, che si adatta sempre di più alla sopravvivenza delle sale, che si apre alle esigenze del pubblico e a gusti sempre diversi. Il tutto, con un occhio di riguardo verso il rispetto dell’ambiente grazie ad esempio a fontanelle d’acqua che saranno messe a disposizione nella struttura per evitare l’impiego di bottigliette di plastica.

- Pubblicità -

La sala, situata in una zona facilmente raggiungibile, a due passi dal vivace quartiere di Sant’Ambrogio, da Via Gioberti (ricca di negozi, bar e ristoranti) e dai Lungarni, è adesso di proprietà della Banca Cambiano che avrà, accanto alla storica sede cinematografica, una propria filiale (che darà avvio alla sua attività tra la fine di gennaio e i primi di febbraio, a stretto giro con quella del cinema). Ulteriori informazioni saranno disponibili a breve sul sito www.astrafirenze.it e sulla pagina Instagram “Cinema Astra Firenze“.

La storia del cinema in piazza Beccaria

Una lunga storia, quella del cinema di piazza Beccaria: nato negli anni Venti del secolo scorso col nome Metropolitan, poi diventato Alhambra, venne ristrutturato negli anni Ottanta dalla famiglia Germani e prese il nome di Astra 2, sulla scia del già esistente cinema Astra in via de’ Cerretani. La chiusura risale al 2014, mentre l’ultimo passaggio di proprietà è avvenuto nel 2017 dalla famiglia Germani a Banca Cambiano. Una storica sala cinematografica, punto di riferimento tra i cinema fiorentini, con eventi che in molti ancora ricordano, dall’anteprima di Johnny Stecchino con Roberto Benigni a quella de L’ultimo bacio con tutto il cast.

- Pubblicità -

 

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -