martedì, 1 Dicembre 2020
Home Cosa fare a Firenze Eredità delle donne 2020: l'evento...

Eredità delle donne 2020: l’evento di Serena Dandini alla Manifattura Tabacchi

Dal 23 al 25 ottobre torna in città la manifestazione che racconta il mondo attraverso gli occhi delle donne

-

Dalla direttrice del Cern Fabiola Gianotti alla virologa Ilaria Capua, dalla ministra Elena Bonetti all’ingegnere biomedico direttrice del Centro di Ricerca “Piaggio” Arti Ahluwalia, fino ad Annalisa Malara, l’anestesista di Lodi che ha diagnosticato il primo caso di Covid-19 su un paziente italiano. Donne protagoniste dal 23 al 25 ottobre 2020 con la terza edizione de L’Eredità delle donne, festival diretto da Serena Dandini.

L’evento si apre con una domanda: cosa hanno in comune i Paesi che hanno dato le migliori risposte alla pandemia da coronavirus? Delle donne come leader. L’osservazione arriva dalla celebre rivista Forbes ed è solo uno degli spunti di riflessione sul mondo di domani, tema che sarà il filo rosso della tre giorni. Manifattura Tabacchi, partner del festival, ospiterà la manifestazione che si svolgerà su un doppio binario: dal vivo (su prenotazione e con posti limitati) e in digitale, per renderla fruibile a tutti.

Il programma de L’Eredità delle donne 2020 a Firenze

La terza edizione si inaugura venerdì 23 ottobre con una serata condotta da Serena Dandini, che incontra la virologa Ilaria Capua e la fisica italiana più famosa al mondo, Fabiola Gianotti. Tra riflessioni e ironia, una conversazione per raccontare come le scienziate sono protagoniste di questo momento e quale nuovo modello di fare ricerca propongono.

Nei due giorni successivi il percorso degli appuntamenti segue un programma diviso per temi: dalla medicina alla leadership, dall’ambiente al futuro, dall’economia alla resistenza fino a un new deal delle arti. Dalla conversazione “Pensare l’impossibile” con l’anestesista Annalisa Malara al talk con Cristina Cattaneo, medico legale impegnata nel tentativo di dare un nome ai corpi delle vittime del Mediterraneo, a cui è stata negata anche l’identità.

 

All’Eredità delle donne 2020 sarà anche Linda Laura Sabbadini, statistica, direttrice dell’Istat e pioniera delle mappe di dati di genere. E ancora: l’incontro “Una nuova leadership” con Madeline Di Nonno, Ceo del Geena Davis Institute on Gender in Media al quale interverranno la ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti e Giada Messetti, esperta di Cina, fino a “Stay Safe”, momento dedicato ai temi ambientali con Mariasole Bianco, oceanografa, Alessandra Viola, giornalista scientifica e Federica Gasbarro, giovane attivista per il clima e futura biologa.

E se ancora non fosse sufficiente si potrà seguire il focus “Ripartire. Una nuova visione dell’economia e della finanza” (cos’è e come si affronta la crisi economica innescata dal Covid-19?) con Alessandra Perrazzelli (vicedirettore generale di Banca d’Italia), Laura Parisi (fisica di formazione, esperta di stabilità finanziaria alla Bce), e Claudia Parzani (avvocato di finanza). Dall’economia, alla capacità di resistere, al cambiamento: saranno i temi al centro delle riflessioni di Elisabetta Camussi (psicologa sociale, componente della squadra di Vittorio Colao per la Fase 2) e di Loretta Napoleoni (politologa ed economista). E infine una parentesi sul “new deal delle arti” con la direttrice di Biblioteca e Gallerie Estensi di Modena Martina Bagnoli ed Evelina Christillin, presidente del Museo Egizio di Torino. È proprio il caso di dire: girl power!

Programma completo dell’Eredità delle donne 2020 alla Manifattura Tabacchi di Firenze sul sito ufficiale.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: scendono i ricoveri ma aumentano i morti

I dati del 1 dicembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Toscana: quando torna in zona gialla, dal 4 dicembre?

La Toscana torna in zona gialla dal 4 dicembre? Ecco cosa cambia nel granducato a partire da questo fine settimana

I numeri della pandemia: intervista a Fabrizia Mealli

La statistica è la scienza che più di ogni altra poteva aiutare a contenere e prevenire il contagio. Nel diluvio di dati degli ultimi mesi, secondo la professoressa Fabrizia Mealli, c’è però un grosso problema: “Tanti numeri, ma di qualità bassissima. La terza ondata sta arrivando e non abbiamo ancora imparato nulla”

Covid Toscana 1° dicembre, contagi ancora in calo. Ma meno tamponi

I dati dal bollettino della Regione: il coronavirus sembra frenare in Toscana. In diminuzione nuovi contagiati, ricoverati e persone in terapia intensiva