Dieci giorni di musica da camera e jazz, interpretati da grandi musicisti di fama internazionale. Quest’anno il festival è alla terza edizione. Anche le prove sono aperte, cosicchè tutti possano assistere alla costruzione del programma – come si va via via sviluppando e perfezionando – insieme con i musicisti.

Aperte in un luogo suggestivo: la Rocca del Castello medioevale, il punto più alto del centro storico dell’isola. Volgendo lo sguardo a 360 gradi si può godere nella sua interezza un panorama unico in tutto lo specchio del Mediterraneo: l’Argentario, il Monte Amiata, l’Isola d’Elba, la Corsica e, appena al di là del sagrato della Chiesa madre, quasi a portata di mano, Monte Cristo.

Suggestivo e insolito anche il luogo delle esecuzioni: la sala grande, “la pancia” del traghetto della Maregiglio che collega l’isola alla terra ferma. Questa sala enorme, capolavoro di architettura funzionale, allegra e severa al tempo stesso, oltre ad avere tutti i vantaggi di uno spazio quasi senza limiti (comodo, godibile) è dotata – ed ecco il punto – di un’acustica perfetta, non seconda a quella dei Teatri e delle Case della Musica disegnate appositamente dagli architetti specializzati nelle grandi occasioni culturali delle grandi città.

Questa virtù fu scoperta l’anno scorso da un gruppo di musicisti. Quando fu usata per la prima volta causò curiosità, come tutte le cose nuove e sperimentali. I risultati furono strepitosi. Oltre ad Elizabeth Norberg-Schulz e Franco Petracchi vi partecipano solisti e Prime parti del Teatro alla Scala, dell’Orchestra di S.Cecilia, e del Teatro Carlo Felice di Genova.

Quest’anno sarà la volta dei solisti e le prime parti del Teatro Carlo Felice di Genova, dell’Accademia di S.Cecilia e del Teatro alla Scala: Myriam Dal Don, Mauro Tortorelli, Demetrio Comuzzi, Paola Emanuele, Riccardo Agosti, Daniela Petracchi.

Fino al 7 agosto.

Informazioni: www.musicalgiglio.it oppure 0564.809400