mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Eventi Le Laudi "suona italiano"

Le Laudi “suona italiano”

Torna al teatro Le Laudi in via leonardo da vinci la rassegna di musica popolare "Suono italiano", alla sua settima edizione, organizzata dal Q2 e da "Suoni e Armonie Management".

-

Mercoledì 29 novembre alle 21,15 si esibirà il gruppo toscano “Setamoneta” con la voce di Cosetta Batignani e Claudio Bigozzi, il violino e la viola di Michela Fracassi, la fisarmonica di Nicola Barbagli, flauto di Stefano Tartaglia e Silvio Trotta alla chitarra e mandolino. Ci faranno riascoltare le melodie della nostra terra, ormai quasi dimenticate dalle ultime generazioni, come canti di lavoro e di festa, ninne nanne, canti narrativi o a sfondo sociale.

In programma per venerdì 21 sempre alle 21,15 ci sono i veneti “Calicanto”, composti dalla cantante Claudia Ferronato, Roberto Tombesi all’organetto, mandola, liuto, salterio e ludro, Giancarlo Tombesi al contrabbasso, Francesco Ganassin con clarinetto, ocarine e gralla, Gabriele Coltri alle cornamuse, ai flauti e armonium e Paolo Vidaich alle percussioni e chitarra.

Il 26 novembre sarà la volta invece di “Fausta Venere”, la cantante solista di origini campane, meglio nota per aver prestato la sua voce alla “Nuova Compagnia di Canto Popolare”.

Ultime notizie

Test antigenico e tampone rapido Covid, come funzionano e come si fanno

Dopo porti e aeroporti è in arrivo anche a scuola, ma cos'è, come viene fatto e come funziona il test rapido antigenico per il Covid

Vaccino antinfluenzale 2020-2021 in Toscana: quando e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze