venerdì, 27 Novembre 2020
Home Sezioni Eventi Ninjaz: l'hip hop e il...

Ninjaz: l’hip hop e il rap toscano targato Numa Crew

Un po' rapper, un po' writer (è suo il super-murales vicino alla Fortezza da Basso): abbiamo incontrato Ninjaz, che ha appena esordito con il suo primo lavoro da solista, 'Showgun'

-

Avete presente il murale Leda e il cigno che costeggia la Fortezza da Basso lungo il viale Filippo Strozzi? Bene, è opera Vincenzo di Martino, in arte Ninjaz (realizzato nel 2012 insieme a BUE2530, in seguito alla vincita del concorso indetto dal Comune di Firenze) e potete trovare in giro per la città molti altri suoi lavori.
 
Ninjaz però non è solo un writer ma anche rapper del collettivo tutto toscano Numa Crew, una delle poche realtà fiorentine hip hop che sono riuscite a uscire dal panorama locale raggiungendo importanti festival e iniziative in Italia e all’estero.
 
Ninjaz campano di origine ma nato e cresciuto a Firenze, ha appena esordito con “Showgun”, primo lavoro da solista uscito lo scorso 7 dicembre e finanziato da Toscana100Band, progetto promosso dalla dalla Regione Toscana allo scopo di valorizzare i talenti locali. Un disco che fonde sonorità inglesi e filosofi a giapponese. L’album segna il debutto dell’etichetta GRIMEIT dedicata ai suoni urbani dal sapore italiano.
 
Quale è il tuo percorso musicale? Da dove nasce la tua passione per il rap?
Ho iniziato a rappare all’età di 17 anni, tutto è iniziato come un hobby, un’altra delle mie passioni da sempre è il disegno, facevo e faccio ancora graffiti (da quando avevo 13 anni), diciamo che è ciò che “mi dà da mangiare”. Da lì sono entrato in contatto con la scena hip hop e nel 2005 abbiamo formato Numa Crew, un collettivo di produttori, dj e mc orientato all’ambiente clubbing uk.
 
Chi sono le tue fonti di ispirazione?
Sono fondamentalmente un autodidatta, quindi per me negli anni della formazione è stato molto importante rubare con gli occhi da quello che vedevo intorno a me. Inizialmente mi sono ispirato molto al rap italiano e ad artisti come Killa Kat, Sud System, Brusco, Clementino. Poi ho proseguito con uno sguardo verso il panorama internazionale: dubstep, drum and bass, grime. Tutti stili musicali che fino a poco tempo fa non erano ancora arrivati in Italia.
 
Cosa significa per te essere parte di Numa Crew?
Numa Crew è una sorta di squadra dove ognuno porta le sue peculiarità e individualità. La crew è una parte importantissima della mia vita e del mio percorso musicale, la definizione di solista mi va un po’ stretta, Showgun infatti è il risultato non solo del mio lavoro ma anche e soprattutto di quello di tutta la crew.
 
Come mai il titolo dell’album è Showgun? Quale è il concept dell’album?
Showgun è una selezione di tutto il mio lavoro, sono dieci pezzi del repertorio che da anni eseguo durante i miei live con Numa Crew. Le tracce di cui si compone rappresentano da un lato la ricerca tecnica e metrica, mentre i testi raccontano la vita normale di un ragazzo di quartiere e del suo punto di vista sulla società e sulla politica. La parte giapponese non è nient’altro che il tema grafico e rappresenta una continuità stilistica, dato che la storia e i personaggi del Giappone hanno sempre fatto parte del mio percorso come writer, a partire dal nome d’arte che mi sono dato.
 
Quali progetti per il futuro? Sogni nel cassetto?
Spero che la musica diventi il mio mestiere a 360 gradi, sempre a fianco di Numa Crew.
 
Dove possiamo trovarti prossimamente?
Il 9 febbraio insieme alla Numa Crew sarò all’Auditorium Flog per un Carnival Party insieme a Clap! Clap!, Ckrono e Biga.

Ultime notizie

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni

Quanti contagiati oggi in Italia: salgono i guariti, restano altissimi i decessi

I dati del 27 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

“Il guardiano dei coccodrilli” di Katrine Engberg, la recensione

Un libro dallo stile frizzante ed ironico che ci farà calare nelle atmosfere di Copenaghen sin dalle prime pagine e i cui personaggi, alla fine, ci mancheranno

Elenco scrutatori Firenze: come fare domanda al Comune e il compenso

Requisiti, compenso, regole e moduli: la domanda per far parte dell'albo degli scrutatori del Comune di Firenze deve essere presentata per tempo. E la scadenza è vicina