sabato, 26 Settembre 2020
Home Cosa fare a Firenze Walking Thérapie, il Teatro di...

Walking Thérapie, il Teatro di Rifredi riparte con uno spettacolo itinerante

Una psico-passeggiata teatrale per le vie di Firenze all'insegna dell'improvvisazione. La “terapia viaggiante” (e anti-assembramento) del Teatro di Rifredi

-

Chi l’ha detto che il teatro si fa solo all’interno,  tra quattro mura e su un palco ben distanziato dalla platea? Se invece gli spettatori facessero parte dello spettacolo e per seguirlo dovessero incamminarsi in un percorso per le vie della città?  Questa è l’idea estrosa e interattiva di Walking Thérapie, lo spettacolo dal formato decisamente urbano che segna l’apertura della stagione del Teatro di Rifredi di Firenze. Dall’8 al 26 settembre 2020,  alle ore 21.00, il Teatro di Rifredi dà appuntamento ai curiosi in Vicolo di Santa Maria Maggiore 1, angolo di Via de’ Vecchietti, per una psico-passeggiata teatrale.

Tra l’obbligo di mascherine, gli ingressi contingentati e il distanziamento sociale, il Teatro di Rifredi decide di rompere le regole della normalità teatrale e portare gli spettacoli fuori, all’aria aperta e per strada.  Scritto originariamente per il Festival di Avignone del 2015 da Nicolas Buysse, Fabrice Murgia e Fabio Zenoni , Walking Thérapie dà l’avvio alla stagione culturale 2020-2021 del Teatro di Rifredi dopo l’interruzione forzata della scorsa primavera e la inserisce in pieno nella contemporaneità.

Walking Thérapie, lo spettacolo “di strada” del Teatro di Rifredi

Lo spettacolo si cala perfettamente nella  scelta che il Teatro di Rifredi fa per questa particolare stagione. Come ci ha spiegato il direttore Giancarlo Mordini, sarà proprio la drammaturgia contemporanea e internazionale, sempre più rara nel panorama italiano, ad essere protagonista del cartellone, insieme alle produzioni interne che il teatro ha promosso negli ultimi anni. Una scelta innovativa per dare agli spettatori una prospettiva diversa, nuova, soprattutto contemporanea.

Per seguire i due protagonisti di Walking Thérapie,  Grégory Eve e Luca Avagliano, e le loro peregrinazioni cittadine gli spettatori avranno dei seggiolini retrattili e delle cuffie bluetooth. In questo modo, il pubblico  potrà immergersi completamente negli stralunati dialoghi dei personaggi. I partecipanti però non saranno solo spettatori. In questa revisione delle regole teatrali, ogni incontro, ogni dettaglio, ogni particolare della città entrerà a far parte del copione. Infatti ogni sera il medico/santone illustrerà la sua benefica terapia contro l’individualismo e il pudore nei confronti del mondo esterno al suo paziente guarito (ma non proprio) e al suo pubblico con dettagli e imprevisti sempre diversi dettati dall’evoluzione imprevista del contorno urbano.

Walking Thérapie grazie alla sua recitazione-improvvisazione decisamente non convenzionale propone un ritorno a teatro divertente e intelligente, nella piena sicurezza richiesta da questi tempi incerti.

Eventi a Firenze nel mese di settembre 2020, il calendario

Le informazioni pratiche

Partenza: Locale Quinoa- Zap Zona Aromatica Protetta- vicolo di Santa Maria Maggior 1

Orario di partenza: ore 21.00 – si consiglia di arrivare verso tra le 20.30 e le 20.50 muniti di mascherine e documento di identità per il ritiro delle cuffie.

Suggerimenti: indossare scarpe comode e portarsi una bottiglietta d’acqua.

Prezzo: 12€
(biglietti con prevendita obbligatoria sono disponibili sul sito di TicketOne)

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin