domenica, 18 Aprile 2021
HomeSezioniFiorentinaLa Fiorentina deve guardare avanti,...

La Fiorentina deve guardare avanti, parola di Benzivendolo

Sorprese, delusioni, chi deve restare e chi deve andare via se la Fiorentina vuole tornare grande. Secondo il "Benzivendolo" Andrea Di Salvo è già tempo di scelte forti

-

Siamo tutti un po’ più sereni dopo la vittoria sullo Spezia in quella sorta di spareggio delle scorse settimane. Molti di noi innamorati della Fiorentina hanno vissuto il gol di Eysseric come un segno inequivocabile del destino: la Serie B è solo un incubo, il fato tifa viola. Con il nostro Andrea Di Salvo, ovvero il “Benzivendolo” di Campo di Marte, analizziamo il momento della nostra amata Fiorentina con maggior spensieratezza.

Benzivendolo, credi ancora in un futuro con Ribéry alla Fiorentina?

Ribéry è stata una bella ciliegina. Però, probabilmente deluso da quello che è successo nelle sue due stagioni in viola, adesso ha perso entusiasmo e voglia. Sembra più un peso nella tattica della squadra. Peccato non aver sfruttato il suo essere fenomeno, peccato
davvero.

Il mago di “Orz”.

Prandelli secondo me non si aspettava di trovare questa situazione nello spogliatoio, pensava che sarebbe stato più semplice da gestire. Se ci salverà è la persona giusta, sennò no. Nel calcio sono gli obiettivi che contano e lui è stato preso per salvare la squadra. Contro lo Spezia è stata la sua vittoria.

Le noti dolenti: Pradè.

Sicuramente alcune scelte di mercato sono molto discutibili. Dalla  sua parte ha il fatto che aveva Juric in mano e Rocco non lo ha voluto. Ho grandi dubbi sulla sua permanenza, penso che ci voglia un azzeramento totale per ripartire con un progetto nuovo.

Vogliamo i nomi…

Petrachi e De Zerbi sembrano in pole, ma sarebbe un’altra scommessa. Io punterei su un allenatore già affermato perché adesso servono certezze, non scommesse. A fine stagione gli allenatori sono tutti sul mercato, basta pagare e prendi chi vuoi. La scelta del nuovo mister ci darà indicazioni anche sul progetto Fiorentina.

Ma possiamo stare tranquilli, siamo davvero salvi?

Il fatto che Crotone, Parma e Cagliari siano così inguaiate dà molto più respiro. Se la Fiorentina riuscisse a trovare tre vittorie consecutive uscirebbe da sola dalla zona calda,
indipendentemente dalle altre. Prima si arriva a 40 punti, prima si torna a dormire sereni.

Commisso?

Rocco è arrivato a Firenze e fino adesso ha speso 300 milioni, fra l’acquisto della società e tutto il resto. Il Covid e altre situazioni non gli hanno dato la possibilità di lavorare in maniera adeguata. La prossima stagione, con la scadenza dei contratti in corso, tre
allenatori e alcuni giocatori, vedremo se vuole provare a vincere davvero. Diamogli un pochino di tempo e poi vediamo.

Il mio giocatore preferito è Quarta, sei d’accordo?

Quarta si sta dimostrando un grande acquisto. Deve fare il centrale in difesa, abbiamo bisogno di certezze e lui lo è, visto il Pezzella di questa stagione.

La mia delusione più grande: Kouamé.

Kouamé è un mistero e anch’io pensavo fosse meglio. È ancora molto giovane, forse andrebbe dato in prestito per capire se è un giocatore da Serie A o no. Ecco un acquisto di Pradé che non ho capito.

Ora ti dico chi vorrei vedere per sempre in viola: Vlahovic

Da quando è sempre titolare è una macchina da gol, a 21 anni in Serie A non si può chiedere di più. Se arriva a 15 reti chi lo critica si dovrà ricredere. E se gli arrivano i palloni giusti ne farà molti.

Domanda cattiva: era necessario un americano a Firenze?

La gestione americana ha portato molti cambiamenti in società e, forse, qualcuno non riesce ancora ad adeguarsi al nuovo sistema. Per fare tanti cambiamenti ci vuole tempo. Riparliamone fra un paio di anni. Il Viola Park sarà un fiore all’occhiello, però Commisso
deve pensare anche al comparto sportivo, a una squadra che lotti e ottenga qualche risultato. Non me ne importerebbe niente di allenarmi in un centro sportivo bello in Serie B.

Fiorentina in Europa quando, secondo il Benzivendolo?

Dalla prossima stagione, se Rocco decide di cominciare a fare le cose sul serio. Tre acquisti a stagione e in tre anni si comincerà a godere.

Ultime notizie