venerdì, 1 Marzo 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniFiorentinaContinua il braccio di ferro...

Continua il braccio di ferro sui fondi Pnrr per lo stadio Franchi

Sui fondi Pnrr per lo stadio Franchi il clima tra Comune e Commissione Ue resta teso. Nel frattempo Empoli apre all'ipotesi trasloco al Castellani

- Pubblicità -

-

- Pubblicità -

Ormai è braccio di ferro tra Comune di Firenze e Commissione europea sui fondi Pnrr per lo stadio Franchi. In questa settimana è successo di tutto: prima l’annuncio, da parte della Commissione europea, di richiesta di osservazioni per parte dei fondi per il restyling del Franchi, circa 55 milioni di euro (al lordo della rivalutazione dei costi) su 200 complessivi. Poi la risposta, infastidita, del Comune dove si dice che con Anci e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro (anche Venezia è coinvolta nello stop) si proverà a risolvere la situazione. Nelle ultime 24 ore una nuova puntata.

Clima teso sui fondi Pnrr per lo stadio Franchi

Il clima sui fondi Pnrr per lo stadio Franchi resta molto teso. La Commissione Ue si è presa del tempo per analizzare la proposta italiana e sul perché il quartiere di Campo di Marte rientra nei Piani urbani integrati. Molto ruota intorno all’Ivsm, l’indice di vulnerabilità sociale e materiale di cui il ministero dell’Interno ha tenuto conto nel decretare l’elenco dei progetti ammessi a quei fondi.

- Pubblicità -

Quell’indice ha molti dati come ad esempio il numero di famiglie disagiate e Campo di Marte, nonostante il fatto che sia un quartiere in realtà benestante, è considerato ‘vulnerabile’. La Commissione Ue chiederà chiarimenti su questo. E intanto da Palazzo Vecchio si fa presente che il progetto del Franchi è “inserito nel Pnrr” ed ebbe l’ok del Consiglio Ecofin nel luglio 2021.

Il tema del trasloco della Fiorentina in un altro stadio

In attesa di capire come si svilupperà la questione relativa ai fondi Pnrr per lo stadio Franchi c’è un’altra partita da tenere in considerazione. Ipotizzando, naturalmente, che arrivi il via libera definitivo dalla Commissione europea. O che in alternativa i 55 milioni siano coperti dallo Stato o addirittura dal presidente della Fiorentina Rocco Commisso. Che in quel caso potrebbe aver maggior controllo sul nuovo impianto.
L’altra partita è quella del trasloco della Fiorentina. Il sindaco Dario Nardella ha detto che la Fiorentina dovrà giocare lontano dal Franchi per due anni. E questo ha provocato critiche da parte dei tifosi e molta preoccupazione. Così è scattata la ricerca di un campo alternativo, da Modena a Reggio Emilia, tutti però molto lontani da Firenze.

- Pubblicità -

Nelle ultime ore si segnala invece un’apertura interessante, quella del sindaco di Empoli Brenda Barnini. La prima cittadina, intervistata da Toscana Tv, ha detto che il suo “non è un no a prescindere. Ho solo voluto mettere in chiaro che se questa discussione dovessimo farla, dovremmo discutere di tanti aspetti. Mettiamoci a sedere e vediamo tutte le situazioni che vanno affrontate, prima di tutte in termini di sicurezza, viabilità e quant’altro”. Una mezza apertura quella di un trasloco allo stadio Castellani che fa ben sperare.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -