sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniLavoro & EconomiaA Firenze 900mila euro per...

A Firenze 900mila euro per la sicurezza dei luoghi di lavoro

La Giunta di Palazzo Vecchio ha approvato la delibera, su proposta dell'assessore Elisabetta Meucci per gli interventi per garantire la sicurezza dei luoghi di lavoro nelle sedi comunali

-

Migliorare a Firenze la sicurezza dei luoghi di lavoro nelle sedi comunali, a tutela del personale e degli utenti, garantendo anche una maggiore qualità nella fruizione dei servizi. È l’obiettivo del pacchetto di misure da 900mila euro che ha avuto oggi il via libera della Giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Elisabetta Meucci.

Gli interventi, divisi in tre parti, riguardano l’adeguamento degli impianti elettrici e meccanici degli edifici, i consolidamenti strutturali, l’eliminazione di situazioni di pericolosità e l’installazione di elementi di protezione.

Gli interventi, nel dettaglio

Nel dettaglio 300mila euro andranno a finanziare l’adeguamento degli impianti elettrici, telematici e di videosorveglianza negli edifici comunali, 300mila euro saranno destinati all’adeguamento degli impianti meccanici e antincendio. Gli ultimi 300mila euro consentiranno l’installazione di corrimano e ringhiere, l’adeguamento degli elementi di protezione, l’eliminazione di situazioni di pericolosità legate alla presenza di percorsi con dislivelli, l’inserimento di maniglioni anti-panico e messa in sicurezza di superfici vetrate, ma anche interventi di miglioramento delle condizioni igieniche, consolidamenti e rinforzi di parti strutturali e non, riorganizzazioni funzionali degli ambienti.

Misure per l’adeguamento sulla sicurezza dei luoghi di lavoro

“Abbiamo approvato un pacchetto di misure per l’adeguamento sulla sicurezza dei luoghi di lavoro – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Elisabetta Meucci – che riguarda una serie di edifici comunali sedi di uffici anche aperti al pubblico, come quelli ad esempio della polizia municipale. Un intervento complessivo da 900mila euro che comprende ammodernamenti degli impianti elettrici e meccanici, l’installazione di elementi di protezione, consolidamenti strutturali e adeguamenti funzionali degli ambienti a tutela dei dipendenti e degli utenti dei servizi”.

Ultime notizie