martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Sport Buccoliero, Caselli, Patermo: tre 'adaptive'...

Buccoliero, Caselli, Patermo: tre ‘adaptive’ in Nazionale…grazie ragazzi!

La prima occasione, l’Internazionale di Gavirate, rappresenta una gara storica per il club presieduto dal notaio Massimo Cavallina Semplici, perché per la prima volta il club fiorentino, così come il canottaggio toscano in generale, vedrà i suoi rappresentanti in maglia azzurra. Tra i convocati dell’Italia Adaptive, convocati dal Commissario Tecnico del settore Paola Grizzetti, scenderanno in gara Pier Alberto Buccoliero, Fabrizio Caselli e Umberto Patermo.

-

La prima occasione, l’Internazionale di Gavirate, rappresenta una gara storica per il club presieduto dal notaio Massimo Cavallina Semplici, perché per la prima volta il club fiorentino, così come il canottaggio toscano in generale, vedrà i suoi rappresentanti in maglia azzurra. Tra i convocati dell’Italia Adaptive, convocati dal Commissario Tecnico del settore Paola Grizzetti, scenderanno in gara Pier Alberto Buccoliero, Fabrizio Caselli e Umberto Patermo.

 SUBITI I PRIMI FRUTTI. Sembra ieri quando il circolo bianco-rosso, appoggiandosi al progetto Sporthabile della Regione Toscana, verso la fine del 2009 si accordò con il Gruppo Sportivo “Unità Spinale” di Firenze per far sì che alcuni atleti sperimentassero il canottaggio Adaptive. La sintonia tra il sodalizio remiero e quello presieduto da Massimiliano Banci dette subito i suoi frutti: Buccoliero (categoria TA, voga solo braccia e schiena) e Patermo (categoria AS, voga solo braccia) nei loro primi Campionati Italiani conquistarono rispettivamente l’argento e il bronzo, mentre quest’anno alla rassegna tricolore Indoor è arrivato anche il primo titolo italiano, firmato da Patermo.

SUPER CASELLI ANCHE NEL CANOTTAGGIO. Adesso gli Adaptive fiorentini, diventati nel frattempo tre con l’ingresso di Caselli, subito oro al Meeting Nazionale di Varese del 10 aprile, scrivono un pezzo di storia della “Firenze” Vecchio e del remo Adaptive in Toscana, con il dichiarato obiettivo di strappare consensi in vista dei Giochi Paraolimpici di Londra nel 2012. A Genova invece, guidati sul campo da Leonardo Magnatta e Francesco Zombi, sarà in gara il gruppo Under 14 della Canottieri, che fin qui ha già dato prova di essere tra i più competitivi in Italia: basti pensare al medagliere del primo Meeting Nazionale della stagione a loro riservato (Varese 9 e 10 aprile, cinque ori, un argento e due bronzi) e alla presenza fissa dei giovanissimi bianco-rossi nella selezione toscana impegnata nelle varie prove del Trofeo delle Regioni (sull’otto vincitore nell’ultima gara a Piediluco domenica scorsa c’erano ben quattro fiorentini: Leonardo Pietra Caprina, Andrea Ferrara, Arturo Pallanti e Pietro Susini, oltre al timoniere Dario Favilli).

Ultime notizie

In quanti si può andare in macchina: regole anti-Covid per viaggiare in auto

Si può stare in tre in auto? Posso fare una gita con gli amici? E se si fa parte dello stesso nucleo familiare? La mascherina è obbligatoria anche in macchina? Le regole anti-contagio dei Dpcm anti-Covid

Palestra artistica alle Murate: un luogo dove “allenare” il talento

Perché non allenare anche il proprio talento? A Le Murate è nata la Palestra artistica, dove gli attrezzi sono penna, pennello e scalpello

Teatro del Maggio: l’ultimo Barbiere di Siviglia (prima dello stop)

Il Barbiere di Siviglia è l'ultima opera in programmazione al Teatro del Maggio prima dello stop alle rappresentazioni teatrali imposte dal governo a causa del coronavirus.

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, uno tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze