giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniSportCiclismo toscano in una guida

Ciclismo toscano in una guida

“Toscanaciclismo 2007-2008”, tutto il mondo della bicicletta da Bettini agli esordienti: la nuova guida del ciclismo toscano presentata in Palazzo Panciatichi, con Alfredo Martini e Franco Ballerini. Nencini: “Strumento utile alla conoscenza di uno sport che ha portato il nome della nostra regione nel mondo”.

-

Tutto il ciclismo toscano in 130 pagine ricche di profili di protagonisti, immagini, statistiche. È stata presentata oggi, lunedì 30 giugno, in Consiglio regionale, “Toscanaciclismo 2007-2008”, la Guida del ciclismo toscano curata da Stefano Fiori e Edita Pucinskaite. Con il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Riccardo Nencini, presidente del Comitato regionale toscano della Federazione ciclistica italiana, gli autori e l’editore Mauro Pagliai (Polistampa), erano presenti Alfredo Martini, ex commissario tecnico della nazionale italiana di ciclismo, l’attuale ct, Franco Ballerini, e Michael Guastini, campione italiano a cronometro nella categoria allievi. A pochi giorni dal via del Giro d’Italia femminile, al quale prenderà parte la stessa Edita Pucinskaite, vincitrice delle ultime due edizioni, e nella prospettiva ormai prossima delle Olimpiadi di Pechino, la nuova edizione di “Toscanaciclismo” ha dato l’occasione di parlare anche dell’attualità.

La Guida del ciclismo toscano, “che impropriamente si può definire almanacco, perché oltre alla fotografia del 2007 presenta un quadro aggiornato della stagione in corso”, come ha spiegato Riccardo Nencini, offre il quadro completo di tutti i dati statistici relativi al biennio 2007-08, è uno strumento di consultazione utile per gli operatori del settore come per gli appassionati. Riporta l’elenco dei quadri federali, completo di indirizzi e nominativi, e l’Albo dei commissari di gara della Toscana, dedica profili specifici alle figure di spicco del mondo ciclistico toscano, riporta le schede dettagliate suddivise per categoria, “di tutti coloro che fanno ciclismo in Toscana”, ha spiegato Stefano Fiori: professionisti, dilettanti, juniores, allievi, esordienti e ciclismo femminile, con tutti i risultati conseguiti dai ciclisti. Un capitolo a parte è dedicato al ciclismo femminile nazionale e internazionale, “caso raro nel panorama del nostro sport”, ha detto Edita Pucinskaite, che ha curato la sezione.

“Toscanaciclismo 2007-2008” esce ora, per offrire il quadro aggiornato fino a maggio 2008, con i risultati della prima parte della stagione in corso. Alla Federazione ciclistica si è rivolto Mauro Pagliai, pensando all’edizione 2009, per sollecitare la collaborazione “al fine di rendere più completa e aggiornata la parte relativa alla stagione in corso”.

“Non è insolito che presentazioni di questo tipo siano ospitate dal Consiglio regionale − ha aggiunto Nencini −, perché lo sport è uno straordinario veicolo di conoscenza e il ciclismo è una delle discipline per le quali la Toscana si è fatta meglio conoscere nel mondo”. La Guida del ciclismo toscano è realizzata con il patrocinio del Comitato regionale toscano della Federazione ciclistica. “Un manuale utile al giornalista, al dirigente e all’appassionato”, è il giudizio di Alfredo Martini, condiviso da Franco Ballerini, che non si è sottratto alle domande sulle Olimpiadi. Nella rappresentativa azzurra ci sarà, tra i più attesi, il toscano Paolo Bettini, come annunciato dal ct ieri, a conclusione del campionato italiano professionisti su strada, e confermato oggi. Il campione olimpico in carica e due volte campione del mondo, sarà chiamato a confermarsi su un percorso difficile, “che non si addice a molti corridori − ha chiarito Ballerini −. Per capirci, può imporsi chi ha le caratteristiche per vincere la Liegi-Bastogne-Liegi”.

Ultime notizie