domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Sport World League: l'Italia dà spettacolo...

World League: l’Italia dà spettacolo ma perde ai rigori contro la Serbia

Grande partita dell'Italia ieri che però perde 12 a 13 ai rigori contro la fortissima Serbia. Il Settebello regala importanti emozioni al pubblico della piscina Paolo Costoli di Firenze nella seconda giornata della Super Final di World League.

-

Grande partita dell’Italia ieri che però perde 12 a 13 ai rigori contro la fortissima Serbia. Il Settebello regala importanti emozioni al pubblico della piscina Paolo Costoli di Firenze nella seconda giornata della Super Final di World League.

LA CRONACA DEL MATCH. Gli Azzurri del Ct Alessandro Campagna mettono sotto la Serbia campione del mondo per tre tempi, vanno in vantaggio anche di due gol: 3-1 con una delle due splendide realizzazioni di Aicardi, 4-2 con Figlioli che sfrutta la prima superiorità numerica e 7-5 con il rigore trasformato da Felugo; poi subiscono il ritorno degli slavi e a metà del quarto tempo il gol di Filipovic per il 10-8 suona come una sentenza. Ma l’Italia trova la forza di reagire e raggiunge la parità con la superiorità di Presciutti a 2’45 e la rete in controfuga di Giorgetti.

SCONFITTA IMMERITATA. L’Italia non merita di uscire sconfitta da questo match e il verdetto dei tiri di rigore non può minimamente intaccare quanto di buono mostrato dai ragazzi in vasca. L’Italia ha dimostrato di essere in grado di giocare una partita intera alla pari con la squadra campione del mondo, composta per lo più dai giocatori del Partizan Belgrado campione d’Europa, e di far salire i decibel in una tribuna gremita, che ha accompagnato gli azzurri con cori e applausi fino all’ultimo rigore, quello realizzato da Pijetlovic, e anche oltre.

IL CT LODA I SUOI RAGAZZI. “Non posso che fare i complimenti ai ragazzi – ha detto Sandro Campagna – Realizzare 10 gol alla Serbia non è un’impresa semplice, così come non lo è rimontare due reti nel finale, soprattutto dopo essere stati anche sul +2. Sono molto soddisfatto. Le sconfitte lasciano l’amaro in bocca inizialmente, ma poi se ben analizzate insegnano tanto; sono certo che i ragazzi hanno la maturità di trarre tutto il positivo, ed è tanto, da questa partita. Il lavoro alla lunga paga, ci sono ancora delle cose da migliorare, ma noi stiamo compiendo un percorso, non si arriva a vincere qualcosa di importante dall’oggi al domani. Dobbiamo rimanere concentrati e continuare a lavorare, già domani con la Cina, in cui i ritmi saranno molto più bassi, possiamo cercare di fare qualcosa meglio di oggi”.

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è oltre il 14%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,26% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid