Sono pur sempre opere d’arte, ma non si appendono in casa: fanno bella mostra di sé in giardino. Così come per Van Gogh e Monet, hanno i loro collezionisti appassionati, disposti ad attraversare mezza Italia pur di accaparrarsi un “pezzo unico”. A Firenze, sulle colline sopra Soffiano, crescono ortensie da record: una dozzina di specie, tra cui alcune piuttosto rare, e 300 varietà che differiscono per colore, altezza e forma dei fiori.

Il vivaio che porta il nome di Alessandra Borgioli e Roberto Taddei è uno dei più conosciuti nel Centro Nord, collabora con orti botanici da Milano a Genova, partecipa a mostre nazionali e una quindicina di anni fa ha aiutato anche il “restauro floreale” del giardino Bardini, glicine compreso.

Guarda la gallery delle ortensie da record

Anche le ortensie si vendono online

Oggi vende al dettaglio e spedisce piante in tutto il Paese, qualche volta pure all’estero. Il vivaio vanta un primato: “Alla metà degli anni Novanta, grazie a Randi, un’amica che viaggiava spesso, siamo stati i primi a portare in Europa alcune varietà di ortensie giapponesi, che qui non esistevano”, racconta Roberto Taddei. Prima il vivaio si trovava in via di Scandicci, vicino Torregalli, e si occupava di giardinaggio a tutto tondo, da 5 anni ha traslocato in via San Carlo, sotto Bellosguardo, specializzandosi in ortensie con mezzo ettaro di terreno e due serre. Sono stati anche i primi ad accaparrarsi, agli albori di internet, il “prezioso” dominio che porta ortensie.it.

“L’incontro con queste piante è avvenuto in modo fortuito, grazie a un signore che le collezionava – dice Alessandra Borgioli – di lì è si è aperto un mondo”. Roberto e Alessandra sono una coppia di fatto per i fiori, unita sul lavoro ma non per famiglia: lei ha iniziato vent’anni fa, lui è arrivato poco dopo e adesso parlano con passione del frutto del loro impegno.

Ortensie in vaso: fioritura, cura e prezzo

“La fioritura va da maggio a settembre, questo è il periodo migliore per venire in vivaio: basta   prendere un appuntamento e non c’è obbligo di acquisto”, precisano. È necessario un anno e mezzo di lavoro per far crescere una pianta da quaranta centimetri per il classico vaso da balcone, che in media costa tra i 15 e i 20 euro. L’ortensia, pianta spontanea molto resistente al freddo, arrivò in Europa nel Settecento dal Nord

America prima e dall’Oriente poi, spiega l’esperto giardiniere. Ci sono però dei falsi miti: i fiori
non sono tutti “a palla”, ma hanno forma più allungata, appiattita o a pannocchia in particolari 
varietà. Alcune piante possono arrivare ai 6 metri di altezza, altre sono rampicanti.

Non tutte stanno lontano dal sole

Tenerle tutte e sempre all’ombra? Un altro luogo comune da sfatare, parola di mister ortensia: “Alcune specie si sviluppano bene al sole o crescono su terreni calcarei, a differenza di quanto si crede  comunemente: ogni tipo di giardino può avere l’ortensia più adatta a sé”.