A Rifredi il calcio e il tennis sono gestiti dai genitori. Chi meglio dei nostri genitori sa quali siano le nostre esigenze? E chi meglio di loro è disposto, anche tramite sacri fici, ad esaudire i nostri desideri e soddisfare le nostre necessità?
L’Opera Madonnina del Grappa si è resa conto di quanto sia utile ed indispensabile l’aiuto e il parere dei genitori all’interno delle società sportive.

Da aprile 2018 è nata così una nuova società: la Virtus Rifredi. La società neonata accorpa al proprio interno il Rifredi 2000 ed il Tennis Rifredi mettendo in mano a un gruppo volenteroso di genitori la gestione e l’organizzazione della polisportiva.
Lo scopo è quello di migliorare la situazione dei propri figli e non solo…

 “Già dalla stagione 2017 ci siamo resi conto di alcuni problemi organizzativi e di gestione degli spazi e una volta fatti presenti all’Opera Madonnina del Grappa è nata l’idea di metterci in gioco”. Queste le prime parole di un volenteroso e determinato Paolo Santinelli, presidente della Virtus Rifredi che si occuperà sia del calcio che del tennis. “Dopo una serie di incontri – prosegue Santinelli – sono stati avviati tutti i procedimenti necessari a disdire l’impegno con le vecchie società e ad aprile è nata la Virtus Rifredi e lo dichiaro con molta soddisfazione, perché tutti abbiamo una grande voglia di iniziare e sporcarci le mani in prima persona per il bene di tutti i ragazzi”.

Alle spalle della società continuano a esserci due enti importanti come l’Opera Madonnina del Grappa e la Misercordia di Rifredi che aiuteranno la polisportiva a muovere i primi passi e la sosterranno nel suo cammino ed è proprio grazie a loro che la Virtus Rifredi partirà da zero ma su solide basi.

“Sia nel calcio che nel tennis riusciremo a mantenere tutti i ragazzi e gli iscritti – continua il presidente -, ma anche e soprattutto gli istruttori e gli addetti ai lavori, anzi per quanto riguarda il tennis abbiamo ingaggiato un maestro con esperienza nazionale ed internazionale che gestirà e coordinerà tutta la scuola con la speranza di tutti di fare un salto di qualità importante.
Ovviamente partiremo da zero sia dal punto di vista economico che di strutture, ma non siamo spaventati e anzi stiamo scommettendo su noi stessi. Per quanto riguarda il riammodernamento delle strutture esistenti, infatti, faremo ricorso alle nostre forze e sfrutteremo il lavoro dei genitori. I vari falegnami, imbianchini e muratori, infatti ci daranno una mano nella ristrutturazione dei campi da tennis e del piazzale antistante alla sede e i lavori inizieranno il 25 luglio. L’intento è quello di creare un luogo, su suggerimento dell’Opera, in cui i giovani possano stare in armonia e serenità, a prescindere dallo sport, diventando un luogo di ritrovo dove le famiglie mandano i propri gli senza timori. In mente abbiamo già tante belle iniziative che coinvolgeranno i bambini del Meyer e i ragazzi con disabilità, ma ci sarà tempo di parlarne meglio magari a settembre quando ci sarà la festa di inaugurazione della Virtus Rifredi a cui sono invitati a partecipare tutti”.