martedì, 22 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura A Volterra preziosi alabastri in...

A Volterra preziosi alabastri in mostra

-

Allestita  a Volterra, dal 24 aprile al 3 novembre 2008 nelle sale di Palazzo dei Priori, il più antico p alazzo comunale della Toscana (1208-1257), la manifestazione presenta estrosi oggetti d’uso, come lampade e casse per radio, e preziose sculture per la maggior parte inedite: raffinate testimonianze di quasi due secoli di storia dell’arte. ra le curiosità della mostra, spiccano le ricostruzi oni di una tipica bottega di alabastraio e quella di un anello della Torre di Pisa, realizzato in alabastro in scala 1:25.
La mostra propone pezzi unici di grande pregio, che raccontano la grande storia dell’artigianato dell’alabastro a Volterra: una storia caratterizzata dall’amorosa cura con cui artigiani e artisti hanno trattato questo prezioso materiale.
“L’alabastro è una pietra che si lascia penetrare dallo sguardo, come se avesse dentro una luce nascosta. – spiegano gli organizzatori – Una pietra che già nel V e IV secolo a.C. eccitò la sensibilità artistica degli Etruschi, che le affidarono la storia della loro esistenza, dei loro miti, dei loro congedi funebri”.
Con il patrocinio della Regione Toscana e della Provincia di Pisa, la mostra propone un allestimento di grande impatto visivo, che scandisce un percorso cronologico mostrando, con immagini e suoni, anche la ricostruzione di quella che un tempo fu la strada degli alabastrai volterrani: via Porta all’Arco.
La rassegna pone inoltre l’accento sui grandi “viaggiatori”: imprenditori volterrani che tra la fine del Settecento e il Novecento percorsero le vie del commercio internazionale, portando in Europa, Asia e nelle due Americhe il gusto e la sensibilità artistica di Volterra.
Tra le loro imprese più importanti, da ricordare l’ingente ordinazione commissionata dall’imperatore del Messico Massimiliano d’Asburgo alla ditta Tangassi, per arredare con oggetti in alabastro la nuova residenza imperiale.

“ALABASTRI A VOLTERRA. SCULTURA DI LUCE 1780 – 1930”
Orario: dalle ore 10.30 alle 18.30 tutti i giorni
In occasione delle Notti Bianche, il 12 luglio e il 9 agosto, apertura fino alle ore 2 del mattino.
Ingresso: biglietto intero: € 5; ridotti: € 3; scuole: € 2; famiglia (2 adulti e 2 bambini sopra i quattro anni): € 12, soci Coop: € 3.
Con il biglietto della mostra sarà possibile anche visitare l’Ecomuseo dell’Alabastro adiacente alla Pinacoteca Civica di Volterra (via Sarti, 1).
Il Comitato Scientifico della rassegna è composto da Roberto Ciardi, Ilario Luperini e Luciano Nesi.
La mostra è promossa da Comune di Volterra, Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e Consorzio Turistico Volterra Valdicecina Valdera, con il contributo di Cassa di Risparmio di Volterra S.p.A. e Solvay Italia. Sponsor tecnico: Assicurazioni Generali S.p.A..

Ultime notizie

Quarantena e rientro in Italia: per quali Paesi è obbligatoria. E il tampone?

Dalla Romania alla Croazia, passando dall'Albania alla Francia: per chi è obbligatorio l'isolamento fiduciario o il tampone, una volta entrato o tornato in Italia

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Massa Carrara

Il centrodestra vince la circoscrizione ma è Bugliani del Pd l'unico tra gli eletti in consiglio: tutte le preferenze di Massa Carrara

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Siena

I candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Siena: tre seggi, tutti nella maggioranza. Entrano Bezzini, Paris e Scaramelli

Chi è Eugenio Giani: il curriculum del nuovo governatore della Toscana

L'impegno politico e nello sport. La passione per la cultura e le tradizioni. Ma anche le apparizioni a sorpresa in "stile Giani". Il profilo del nuovo presidente della Regione