martedì, 28 Settembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaAlla (ri)scoperta del Risorgimento

Alla (ri)scoperta del Risorgimento

Al via un fitto calendario di conferenze, che si snoderà per oltre un mese, e che ripercorrerà le tappe salienti e gli aspetti politici e culturali di un’epopea che condusse all’unità del Paese.

-

Alla riscoperta del nostro Risorgimento insieme al Quartiere 2 e al Comitato Fiorentino per il Risorgimento, a 150 anni di distanza da quei giorni. Tutti gli incontri si terranno di giovedì alle 17,30 a Villa Arrivabene, in piazza Alberti 1/a, e saranno presentati da alcuni fra i più noti storici cittadini.

Il via il 14 gennaio con “Curtatone e Montanara: per capire oltre la retorica”, con Ugo Barlozzetti; secondo appuntamento il 21 con “Il Risorgimento nella pittura dei macchiaioli”, con Sergio Casprini; seguirà il 28 “L’urne dei forti: la memoria come bisogno di identità nazionale”, con Livio Ghelli. Il 4 febbraio sarà la volta di “I luoghi simbolo del Risorgimento: pellegrinaggi e memorie”, ancora con Livio Ghelli; l’11 “Credenti di diverse origini per un’Italia laica: Pierluigi Ballini e Joseph Levi” con Domenico Maselli; il 18 “Episodi e personaggi fiorentini e toscani negli anni decisivi del Risorgimento”, omaggio al ruolo dei nostri conterranei, con Adalberto Scarlino; chiusura il 25 con “Canti e poesie del nostro Risorgimento”, sempre con Adalberto Scarlino. 

L’epilogo vero e proprio ci sarà sabato 27 alle 16,30, presso la sede distaccata del conservatorio Cherubini, a Villa Favard in via Rocca Tedalda, con un concerto di musiche del periodo risorgimentale. Ingresso libero. Informazioni al numero 055/2767828.

Ultime notizie