lunedì, 10 Maggio 2021
HomeSezioniArte & CulturaBiglietto unico per i musei,...

Biglietto unico per i musei, ci siamo

Uffizi, Pitti, Accademia e altri 30 musei con un solo biglietto. Si chiama Firenze card e, al modico prezzo di 50 euro, consegnerà le chiavi del polo museale fiorentino a turisti e curiosi per 72 ore. L'intesa tra Stato e Palazzo Vecchio è stata presentata oggi. E dentro ci sono anche i soldi per Grandi Uffizi e Teatro del Maggio.

-

Uffizi, Pitti, Accademia e altri 30 musei con un solo biglietto. Si chiama Firenze card e, al modico prezzo di 50 euro, consegnerà le chiavi del polo museale fiorentino a turisti e curiosi per 72 ore. L’intesa tra Stato e Palazzo Vecchio è stata presentata oggi. E dentro ci sono anche i soldi per Grandi Uffizi e Teatro del Maggio.

MUSEI. Renzi vince finalmente la battaglia del biglietto unico per accedere a musei civici e statali, che semplificherà di molto la vita ai turisti e dovrebbe anche aiutare gli incassi. A proposito di risorse, l’accordo prevede anche l’ottimizzazione delle risorse provenienti dagli introiti del polo museale fiorentino e la loro parziale utilizzazione, per il triennio 2011-2013, per il completamento dei grandi Uffizi, nonché la definizione di un progetto condiviso per il rilancio del teatro “La Pergola”.

FEDERALISMO. “Si tratta della prima applicazione di quel federalismo demaniale che la politica del governo sta perseguendo – spiega il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta – un accordo importante in quanto prevede gli strumenti per la realizzazione piena perché quel polo museale possa garantire le risorse adeguate per la sua valorizzazione. E’ un modello esemplare che va esportato in altre città. Un modello di integrazione, collaborazione, cooperazione tra le istituzioni per la valorizzazione dei beni culturali”.

RISORSE. “Daremo un servizio migliore ai turisti – riflette il sindaco di Firenze Matteo Renzi – e saremo chiamati ad individuare direttamente progetti per iniziative di decoro per la città. Tra l’altro, importante è il rilancio del teatro ed il completamento degli Grandi Uffizi che sarà consentito anche dal recupero delle risorse dai proventi dell’intera bigliettazione , circa il 20% per tre anni”. Solo per il 2010 si parla di 20 milioni di euro con un aumento del 6.31% rispetto all’anno precedente.

MAGGIO. Ma l’accordo prevede anche le questioni relative al David di Michelangelo, iniziative per le celebrazioni per l’anniversario della morte di Amerigo Vespucci e l’analisi delle problematiche finanziarie e patrimoniali relative alla Fondazione ”Maggio musicale Fiorentino”.

Ultime notizie