lunedì, 21 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura C'era una volta il West...

C’era una volta il West a Firenze… ora siamo amici / FOTOGALLERY

Una settimana, la prossima, dedicata alla storia e alla cultura dei nativi americani, e in particolare dei Lakota Sioux, discendenti di quel popolo delle praterie che è sopravvissuto ai massacri dei secoli scorsi. Tra le tante iniziative anche la firma di un documento che sarà sottoscritto dalle Province di Firenze, Pistoia e Prato e i rappresentanti dei Lakota Sicangu Sioux di Rosebud.

-

Tra le tante iniziative – incontri, proiezioni di video, conferenze, mostre, dibattiti –tra cui la firma di un documento che è stato sottoscritto questa mattina dalle Province di Firenze, Pistoia e Prato e i rappresentanti dei Lakota Sicangu Sioux di Rosebud (Nazione che si trova nello Stato americano del Sud Dakota).

IL PROTOCOLLO D’AMICIZIA. “Il fascino della cultura sioux, la bellezza dei loro costumi e delle loro tradizioni,  ci fa spesso dimenticare che i nativi americani hanno subito un vero genocidio – ricorda il Presidente della Provincia di Firenze -. Non è stata la prima volta e neanche l’ultima in cui la storia ha vissuto pagine orribili, con interi popoli massacrati e depredati del loro territorio. Purtroppo sono drammi di dimensioni bibliche che si ripetono anche nell’attualità. La Provincia di Firenze mostra da sempre una grossa sensibilità su questi temi. La storia dei nativi americani è fatta anche di un orribile genocidio che noi italiani non possiamo dimenticare, perché è una pagina orribile iniziata con la scoperta dell’America ad opera di Cristoforo Colombo e che è continuata con la colonizzazione dell’uomo bianco nelle Americhe. Ecco perché assume un significato davvero particolare il ‘Protocollo di amicizia’ che le Province di Firenze, Prato e Pistoia firmeranno con i discendenti di quelle popolazioni che scamparono al massacro”.

DIRITTO ALLA DIVERSITA’. Il documento comune che sarà sottoscritto dalle tre Province della Toscana centrale riconosce “il diritto alla diversità delle culture, e il rispetto del proprio patrimonio storico, culturale, religioso e spirituale, nonché delle proprie tradizioni”. Il Protocollo prevede anche iniziative di scambio culturale, scientifico ed umanitario.

ANCHE CONFERENZE E TAVOLE ROTONDE. Nel corso della settimana fiorentina saranno organizzate anche conferenze e tavole rotonde sulla storia, la cultura e la spiritualità dei Lakota Sioux aperte al pubblico e alle scuole, con la partecipazione del Presidente dei Lakota Sioux e dei Rappresentanti ufficiali Lakota Sioux della Rosebud Sioux Tribe.

LA MOSTRA. Intanto a Palazzo Medici è stata allestita un’esposizione a carattere scientifico ed antropologico che ha per oggetto la mostra etnografica di manufatti originali dei popoli nativi americani, che sarà aperta fino al prossimo 20 aprile. Eccone alcune foto.

{phocagallery view=category|categoryid=75|limitstart=0|limitcount=0}

Ecco il programma completo della settimana.

Ultime notizie

Il più grande uomo scimmia del Pleistocene. La recensione

Un libro originale, insolito e divertentissimo che vi catapulterà nelle prime fasi della Preistoria, facendovi immergere completamente nelle vicende di una famiglia primordiale

Ristorante Le Lune di Firenze: piatti nel vivaio e un menù “agricolo”

Sulla via che porta a Fiesole c'è un ristorante-vivaio che porta in tavola i prodotti locali. Specializzato nella produzione di olio, carne biologica Chianina IGP, tartufo bianco e cacciagione

Le sculture di Kevin Francis Gray al Museo Bardini di Firenze

Prosegue il progetto di promozione dell'arte contemporanea a Firenze con la mostra di Gray allestita nelle sale del Museo Bardini

Elezioni regionali Toscana 2020: affluenza al 45,89% alle ore 23 di domenica

I dati sull'affluenza alle urne di domenica 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana. Oggi seconda giornata di voto