Sono iniziate le riprese de “La Casa di Carta 3” a Firenze. Piazza Duomo e piazzale Michelangelo saranno due tra gli scenari della terza stagione della fortunata serie tv spagnola in onda su Netflix. Oggi è il giorno delle riprese e non manca la prima sorpresa: proprio ai piedi del Battistero è stata girata la scena dell’incontro tra “Il professore” e “Berlino”, quest’ultimo rimasto ucciso alla fine della seconda stagione. Un flashback o qualche altra sorpresa?

Il set de La Casa di Carta a Firenze

Già alle 7.30 il set in piazza Duomo era allestito e le riprese sono iniziate nel primo mattino, seguite a distanza da una piccola folla di curiosi, quasi tutti fan della serie tv che nonostante l’ora e la temperatura gelida sono arrivati in buon numero con la speranza di strappare, se non un vero e proprio incontro ravvicinato con i protagonisti della serie, almeno qualche indizio sulla prossima stagione. Avranno l’uno e l’altro.

L’incontro de “Il Professore” al Battistero

Álvaro Morte, l’attore che interpreta il misterioso protagonista della serie, “Il Professore”, è stato visto sul set con una grande cartella sotto al braccio sinistro, insieme a tubi porta disegni e carte arrotolate, e una grossa borsa sulla spalla destra. Il solito abbigliamento casual, perfetto per passare inosservato in mezzo a una delle piazze più affollate del mondo. Poi l’incontro con un personaggio vestito interamente di nero e coperto da un cappello dalle larghe tese, forse in incognito.

È “Berlino”, il braccio destro del Professore interpretato da Pedro Alonso che però, al termine della seconda parte della serie, rimaneva ucciso. Si tratterà quindi di una scena ambientata nel passato? Un saluto, una breve conversazione tra i due, qualche scambio di confidenza. Al momento è tutto quello che si può immaginare.

Gli attori si sono poi trattenuti brevemente a salutare i fan presenti in piazza, nel frattempo aumentati di numero, e concedersi per qualche selfie.

La Casa di Carta 3, le anticipazioni

La prima stagione de La Casa de Papel è andata in onda divisa in due parti nel 2017 in Spagna, per poi approdare alla fine dell’anno nel resto del mondo: otto persone, tutti ricercati, fuggiaschi, con precedenti penali e niente da perdere, vengono reclutate segretamente da un uomo misterioso conosciuto con lo pseudonimo “Il professore”. L’obiettivo è quello di mettere a segno la più grande rapina della storia: irrompere nella Fábrica Nacional de Moneda y Timbre, la zecca nazionale spagnola di Madrid, barricarsi al suo interno e stampare 2.400 milioni di euro per poi darsi alla fuga.

Una formula a base di adrenalina, colpi di scena, spionaggio e fugaci amori che ne ha fatto un titolo di enorme successo in tutto il mondo, tanto da aggiudicarsi l’international Emmy Award come miglior serie drammatica, prima serie spagnola a vincere il premio.

La messa in onda della terza stagione è prevista entro la fine del 2019.

Eri anche tu in piazza Duomo o piazzale Michelangelo per assistere alle riprese? Inviaci le tue foto, le pubblicheremo su Il Reporter! Scrivi a [email protected] o contattaci su Facebook.