domenica, 27 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura ''La musica parte da qui'',...

”La musica parte da qui”, la nuova stagione del conservatorio Cherubini

Presentata in Palazzo Vecchio la nuova stagione di eventi del Conservatorio di Musica Luigi Cherubini: "La musica parte da qui". Novembre 2012 - ottobre 2012.

-

La musica di Firenze.

LA PRESENTAZIONE. E’ stata presentata a Palazzo Vecchio la nuova stagione di eventi del Conservatorio di Musica Luigi Cherubini, dal nome “La musica parte da qui”, che inizierà ufficialmente da domani 10 novembre fino a tutto ottobre 2013. Alla presentazione hanno partecipato il presidete del Conservatorio Giampiero Basile, l’assessore all’Educazione del Comune di Firenze Rosa Maria Di Giorgi, e la neo-direttrice del Conservatorio Flora Gagliardi, la prima donna a dirigere il Conservatorio Luigi Cherubini.

DI GIORGI. “Vi porto il ringraziamento della città di Firenze – ha aperto l’assessore Di Giorigi – perché per noi quest’antica istituzione è fondamentale, grazie alla sua capacità di formare nell’ambito della cultura musicale nazionale.  C’è bisogno per questo di farsi carico, insieme al Ministero, di questa tradizione. L’intento della nostra amministrazione è appunto quello di creare una cittadella della cultura nel cuore di Firenze, un punto dove si incontrano le esperienze delle Oblate, della Pergola, dell’Università ed infine del Conservatorio Cherubini. Non sempre è facile fare musica, ma è qualcosa di essenziale, perché è un abitudine al rigore, alla serietà e alla fatica che sono sono basi formative fondamentali per le nuove generazioni”.

GAGLIARDI. Dopo i ringraziamenti all’assessore e alla neo-direttrice da parte del presidente Basile è stata la volta di quest’ultima a parlare:  “Sono direttore da poco, ma la mia discontinuità sarà principalmente sul piano dell’approfondimento e del miglioramento del percorso iniziato dal precedente direttore Paolo Biordi. Il mio obbiettivo sarà quello di creare un profilo professionale di un musicista che sia attuale e moderno, capace di soddisfare le richieste del mondo musicale, quindi che sia spendibile nel mondo del lavoro. Ormai il Conservatorio è una realtà consolidata a Firenze, per questo non dobbiamo più proporci, in quanto siamo chiamati a collaborare con varie realtà.”

LA STAGIONE 2012 / 2013. Il resto degli interventi sono andati a sottolinerare l’importanza della programma che il Conservatorio è riuscito a mettere in piedi, sopratutto per la rilevanza dei nomi che parteciperanno a concerti, lezioni, seminari e quant’altro. Per questo il primo appuntamente è domani, sabato 10 novembre, a Villa Favard con il “Ventennale della fisarmoniaca in Italia”. Un concerto, una mostra e un convegno per la ricorrenza dell’istituzione della prima cattedra di fisarmonica a Firenze. Molti i nomi importanti che appaiono nel programma come il compositore polacco Krzysztof Penderecki o il compositore austriaco Peter Ablinger, ma anche i seminari tenuti da: Maureen Jones, Franco Maggio Ormezowski, Paolo Bordoni e tanti altri. Programma che vede inoltre importanti collaborazioni con entità locali, nazionali ed internazioni di grandissimo livello come: Accademia della Crusca, GAMO, New York University, Maggio Musicale Fiorentino, etc… Per ulteriori informazioni e aggiornamenti consultare il sito: www.conservatorio.firenze.it

Ultime notizie

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic

L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

Tra la stagione scorsa interrotta dal coronavirus e la prossima ancora da definire, l’Orchestra regionale della Toscana torna sul palco del Verdi con un programma di concerti per l’autunno. 500 i posti disponibili

Inter Fiorentina in tv: Sky o Dazn?

Inter Fiorentina in tv: una partita da non perdere quella in programma alle ore 20.45 a San Siro: ma dove vederla in Tv su Sky o Dazn?

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre