Una performance che vedrà gli spettatori prendere parte attivamente nel racconto, seguendo i venti attori in un continuo spostarsi da un luogo all’altro e “interpretare” il ruolo della giuria, assistendo al momento del processo seduti su due file di scranni che ricordano l’aula di un tribunale.

A seguire, da domenica 22 a sabato 28, una rassegna di pellicole d’autore – datate 1968 – che il pubblico sceglierà di volta in volta da una rosa di titoli disponibili. In contemporanea due mostre fotografiche, una firmata dagli studenti dello studio Marangoni e l’altra dall’associazione culturale Deaphoto.

Il mese si conclude con una coppia di appuntamenti teatrali. Il primo, in scena il 29, intitolato “Dino Campana e Sibilla Aleramo” è l’emozionante trasposizione teatrale del carteggio tra il poeta e la sua amata, il 30 sarà la volta di “Anema e Core”, uno sguardo a volo d’uccello sulla Napoli contemporanea, un one-man-show interpretato da Vincenzo de Caro e accompagnato al piano dal musicista Andrea Rinaldi. Il 6 luglio una serata dedicata allo Sri Lanka e il 30 una alla danza araba il 30.

Info 055. 6236195 oppure www.chille.it