sabato, 17 Aprile 2021
HomeSezioniArte & CulturaMostra Fallaci, boom di visite

Mostra Fallaci, boom di visite

Oltre 10mila persone, in 23 giorni, hanno visitato la mostra "Oriana Fallaci, fiorentina di razza"

-

Grande affluenza di visitatori alla mostra “Oriana Fallaci, fiorentina di razza” a Palazzo Panciatichi. La mostra, inaugurata il 17 aprile, ha registrato in 23 giorni di apertura un’affluenza di 5.750 visitatori, senza però contare le numerose scolaresche, famiglie, gruppi, che sono stati registrati come presenza singola e che portano dunque molto più in alto il bilancio complessivo dell’evento, calcolato appunto in oltre 10 mila presenze. L’esposizione, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana, è stata promossa dal Consiglio regionale della Toscana e dalla Provincia di Firenze non solo in omaggio e nel ricordo di una protagonista della nostra storia ma per sottolineare un percorso di vita che ha portato la sua città a riconciliarsi con lei, superando polemiche e prese di posizione che ne avevano contrassegnato gli ultimi anni.

“Il conflitto con Firenze – ha osservato oggi il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini in occasione della chiusura della mostra – non la faceva stare in pace e lei manifestava il suo disappunto anche rendendo noto quello che aveva dato alla sua città, che non apparteneva solo ai tempi recenti ma era tagliato sulle origini della sua famiglia, nelle radici della sua vita adolescenziale e dell’infanzia. Il primo segno di quella riconciliazione così desiderata fu l’accettazione consapevole e gradita e il calore con i quali accolse il riconoscimento che il Consiglio regionale le attribuì con una medaglia che le consegnammo a New York. La mostra a Firenze, nei palazzi delle istituzioni ne è il suggello finale“.

Il percorso a Palazzo Panciatichi dove sono stati ospitati i libri scritti dalla Fallaci, contestualizzati da foto, oggetti, filmati, lettere e varia corrispondenza, giornali, ha dato la possibilità di approfondire i tanti temi trattati dalla giornalista: dai divi di Hollywood al Libano, passando dal Vietnam alla rivolta di Città del Messico. “Il successo di questa mostra per ricordare Oriana, fiorentina di razza nella sua Firenze e per rendere omaggio alla sua carriera di giornalista e scrittrice – ha aggiunto Nencini – ha dimostrato anche, e ancora una volta, la capacità della Fallaci di lasciare un segno, di agire sulle coscienze e di aprire dibattiti. I fiorentini hanno sentito la sua mancanza e con la loro presenza a Palazzo Panciatichi hanno voluto dimostrare la loro vicinanza ad un personaggio, magari scomodo, radicale e controcorrente ma dall’indiscutibile spessore, culturale, politico, civile”.

Ultime notizie