Una massa di volumi specializzati (almeno 160 mila), banche dati a elevato contenuto tecnico in cui si trova di tutto, oltre 4 mila riviste molte delle quali introvabili: chiunque abbia necessità di testi altrove difficilmente reperibili può provare in una delle 14 biblioteche e strutture documentarie della regione Toscana.

Il giorno buono per saperne di più, può proprio essere venerdì 10 ottobre: il coordinamento fra queste strutture regionali “di nicchia” si presenta con un appuntamento (“Cobire porte aperte”) voluto nel quadro di “Tipi da biblioteca”, la campagna di comunicazione coordinata dalla regione Toscana “per promuovere le biblioteche – sottolinea l’assessore Paolo Cocchi – nei confronti di chi, verso le biblioteche, ha qualche pregiudizio o non le conosce”.

Varie le iniziative, in programma venerdì 10 ottobre, per stuzzicare l’attenzione dei cittadini (previsti anche “stuzzichini” e aperitivi) facendo conoscere meglio un enorme patrimonio di informazione disponibile gratuitamente per tutti (www.regione.toscana.it/cobire) e spesso fonte di sorprese e di utilità. Mediateca, ad esempio, propone (ore 16) un progetto (“Lanterne Magiche”) per far conoscere meglio, in ambito scolastico, l’arte cinematografica e l’uso dei mezzi audiovisivi. La Biblioteca del Consiglio Regionale lancia visite guidate nello storico palazzo che la ospita: il Palazzo Gerini, in via Ricasoli.

A partire dalle 10 la Biblioteca della Giunta Regionale (Novoli) presenta servizi rivolti agli utenti (c’è anche Aquabrowser Library, un sistema che consente a chiunque, dal computer di casa, facili ricerche sui testi depositati nelle 14 biblioteche della rete). La Biblioteca sulla Cultura della legalità democratica (via Val di Pesa, 1) presenta (ore 11) fondi relativi a terrorismo e criminalità. In Piazza Santissima Annunziata la “Innocenti Library” apre il suo ricco patrimonio specializzato sull’infanzia e così per tutte le altre biblioteche della rete COBIRE.

Recente la pubblicazione del catalogo collettivo periodici: un’autentica miniera di informazioni per “tipi da biblioteca” che potranno soddisfare curiosità, trovare testi non sempre facili da reperire, avere informazioni utili per la vita quotidiana (dall’elenco completo delle norme europee ai bandi di concorso).I volumi possono essere chiesti in prestito. In tutte le biblioteche del circuito ci sono liberi accessi a internet.