sabato, 4 Dicembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaRitrovamenti di ''orso delle caverne''...

Ritrovamenti di ”orso delle caverne” nel senese

Nel senese, sono stati rinvenuti resti fossili del più recente ''orso delle caverne'' mai trovato in Italia.

-

Sono stati scoperti nel senese i resti fossili del più recente ”orso delle caverne” mai trovato in Italia. 

SCOPERTA. Nel comune di Monteriggioni, nella Montagnola senese, sono stati trovati i resti fossili, all’interno della Grotta del Chiostraccio, di un esemplare di “Ursus spelaeus”, oggi estinto e scomparso circa 29.000 anni fa. La scoperta paleontologica è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista “QuaternaryResearch” e vede coinvolti ricercatori delle Università di Siena e Firenze. I resti sono stati scoperti da Ivan Martini, attualmente assegnista di Ricerca presso il dipartimento di Scienze fisiche, della terra e dell’ambiente dell’Università di Siena, associati a resti ossei di altri mammiferi all’interno della Grotta del Chiostraccio, una delle più estese grotte naturali del territorio senese. Lo scheletro ritrovato non è completo, ma la reale novità è l’età del reperto, uno degli ultimi orsi delle Caverne mai ritrovati in Italia e in Europa.

EPOCA. Anni di studio sono stati necessari per analizzare i resti ossei e per effettuare precise datazioni radiometriche al Carbonio-14. Le datazioni indicano che questo esemplare di orso delle caverne è deceduto in un intervallo temporale compreso tra 29,200 – 28,550 anni fa, rendendolo l’ultimo “Ursus spelaeus” d’Italia e uno degli ultimi d’Europa prima dell’estinzione della specie. Lo studio di questi resti ha portato e potrà portare nuovi dati per comprendere le cause e i meccanismi che hanno portato all’estinzione degli orsi delle caverne.

LO STUDIO. Lo studio è stato condotto da Ivan Martini e dai professori Mauro Coltorti e Fabio Sandrelli dell’Università di Siena, dal professor Mazza dell’Università di Firenze e da Marco Rustioni del museo di Paleontologia di Montevarchi.

Ultime notizie