La notte del 24 giugno, fino a mezzanotte, dal Parnaso, sopra il Tepidario del Giardino dell’Orticoltura, si potrà godere lo spettacolo pirotecnico a partire dalle 22. Per quanto riguarda il giardino d’estate in riva all’Arno, i cittadini sono invitati a guardare i fuochi lungo il fiume nello spazio adibito a spiaggia, che in occasione dei Fuochi rimarrà aperta anch’essa fino mezzanotte. La vigilanza sarà garantita come sempre dal personale della Croce Rossa e del Comitato nazionale di Salvamento che per l’occasione aumenteranno il loro turno di lavoro.

Non solo. A partire dalle 19 chi vuole (massimo 100 persone) può partecipare al pic-nic sulla spiaggia organizzato dall’associazione Piazzart che da quest’anno gestisce il punto di ristoro attiguo al giardino d’estate. Per la serata è prevista anche una vigilanza ambientale specifica a cura dell’associaizone Amici della Terra. Chi vuole partecipare può prenotare al numero 349.2318739.

DIVIETI DI CIRCOLAZIONE

Come tradizione, anche quest’anno San Giovanni, patrono di Firenze, sarà festeggiato con i fuochi artificiali. E con lo spettacolo pirotecnico tornano anche i provvedimenti di circolazione. Si inizia lunedì 23 giugno quando, dalle 8 e fino alle 4 di mercoledì 25 giugno (e comunque fino al termine della manifestazione), scatterà un divieto di sosta con rimozione forzata in piazzale Michelangelo. Dalle 23 nel piazzale sarà istituito anche il divieto di transito (ad esclusione delle direttrici che uniscono viale Michelangelo e viale Galileo). Sempre dalle 23 e fino al termine della manifestazione, scatterà anche il divieto di transito veicolare e pedonale e il divieto di sosta in viale Poggi (da via dei Bastioni a piazzale Michelangelo, comprese le rampe di accesso al piazzale Michelangelo).

Per quanto riguarda i provvedimenti istituiti la sera di sabato 24 giugno, dalle 20.45 a mezzanotte scatterà la chiusura al transito veicolare in viale Michelangiolo (esclusi i mezzi Ataf fino a via Pietro Tacca e i mezzi di soccorso diretti all’Istituto Ortopedico Toscano), via Marsuppini (nel tratto compreso tra via di Ricorboli e viale Michelangiolo), piazzale Michelangiolo (compresi gli accessi che portano a due bar) dove sarà vietato anche il transito pedonale, viale Galileo (nel tratto fra piazzale Galileo e piazzale Michelangiolo, escluso i frontisti con direzione Giramontino), via dei Bastioni, via di Belvedere, via Monte alle Croci, via San Miniato, via San Niccolò (nel tratto pedonale transito consentito), Ponte alle Grazie (solo direttrice Diaz-Serristori), lungarno Serristori, piazza Poggi e lungarno Cellini.

Dalle 19 di martedì 24 a fino alle 4 di mercoledì 25 giugno scatterà anche il divieto di transito su lungarno delle Grazie e lungarno della Zecca Vecchia (da Ponte alle Grazie a piazza Piave) e l’inversione del senso di marcia di via Tripoli (tra via delle Casine e piazza Piave). Molte anche le strade in cui sarà vietata la sosta già dalle 8 di martedì e fino alle 4 di mercoledì 25 giugno: in dettaglio si tratta di lungarno della Zecca Vecchia, lungarno Pecori Giraldi (lato Arno), lungarno del Tempio (lato giardini sul fronte compreso fra via Piagentina per 25 metri verso via del Campofiore). Dalle 19 previsto il divieto di sosta anche sul lungarno alle Grazie (lato fiume Arno).