sabato, 15 Maggio 2021
HomeSezioniArte & CulturaToscani: “Volgare il calendario della...

Toscani: “Volgare il calendario della Carfagna, non il mio”

Non si placa la polemica attorno al calendario di Oliviero Toscani con 12 scatti di altrettanti pubi femminili, presentato ieri in occasione di Pitti Immagine. Il celebre fotografo chiama in causa anche il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna. ''Il calendario della Carfagna era proprio volgare, non il mio”. E anche Sgarbi entra nel dibattito.

-

 

Non si placa la polemica attorno al calendario di Oliviero Toscani con 12 scatti di altrettanti pubi femminili, presentato ieri in occasione di Pitti Immagine. Il celebre fotografo chiama in causa anche il ministro per le Pari opportunità Mara Carfagna. ”Il calendario della Carfagna era proprio volgare, non il mio”. E anche Sgarbi entra nel dibattito.

ROLLING STONE. Il calendario, commissionato a Toscani dal Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale di Ponte a Egola, è distribuito insieme al numero di gennaio della rivista Rolling Stone. Nonostante lo stop intimato dall’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. Ieri la presentazione ufficiale a Pitti si è tenuta ugualmente, tra le proteste delle commissioni Pari opportunità a vari livelli.

CARFAGNA. ”Il calendario della Carfagna – risponde Toscani – era proprio volgare, non il mio. Avrei dovuto farglielo io e allora sarebbe diventata più bella, sarebbe diventata primo ministro e non solo ministro delle Pari opportunità…”. E riguardo all’Iap: ”Questo istituto è una corporazione privata, come la mafia – ha detto Toscani -. Non mi interessa, è un istituto che appartiene ad un gruppo di pubblicitari che vogliono che tutto sia piatto, così almeno non si devono impegnare tanto. Io non ho niente a che fare con loro, io non sono un pubblicitario. Qui la giustizia ufficiale non c’è”.

SGARBI. Vittorio Sgarbi, intervenendo ieri al dibattito in seguito alla presentazione del calendario, se l’è presa con le femministe. “Il calendario di Oliviero Toscani è all’antica – dichiara provocatoriamente il critico d’arte – il soggetto è classico. Non capisco perché Mara Carfagna e le femministe si sono scandalizzate, si tratta di una parte comune del corpo, non ce l’hanno anche loro?”.

Ultime notizie