venerdì, 22 Ottobre 2021
HomeSezioniArte & CulturaWeekend di cultura tra profumi,...

Weekend di cultura tra profumi, storie e antichità

Acquisti a Boboli, solidarietà alla Loggia dei Lanzi, e ancora il restauro del Crocifisso del Cenacolo del Fuligno, la visita all'antiquarium di Villa Corsini e le storie di Isabella de' Medici a Cerreto Guidi.

-

Il prossimo weekend sarà particolamente ricco di occasioni culturali (e di solidarietà), molte delle quali vedranno protagonisti alcuni dei musei del Polo Fiorentino. Di seguito un riepologo cronologico e dettagliato degli appuntamenti.

GIARDINO DI BOBOLI. È in corso fino a domenica 20 maggio nel Giardino di Boboli il sesto appuntamento con “I profumi di Boboli”, percorso espositivo/commerciale di prodotti di prestigio della tradizione artistica e manufatturiera legata all’universo botanico, prodotti di laboratorio e di ricerca all’insegna della naturalità, della qualità e della specificità del territorio di appartenenza. La collocazione ormai storica della manifestazione nell’Orto della Botanica inferiore, scaturisce dal fatto che qui in origine esisteva un edificio adibito a Spezieria, distrutto sul finire del Settecento, dove presumibilmente con i fiori del giardino gli antichi profumieri ed erboristi distillavano profumi e balsami medicamentosi.

LOGGIA DEI LANZI. Domani, 18 maggio, alle 19.30 alla Loggia dei Lanzi di piazza della Signoria, “Charity for ANT”, l’asta di solidarietà a sostegno del servizio di assistenza domiciliare oncologica gratuita. Info: 055-500020.

CENACOLO DEL FULIGNO. Un recente intervento di restauro ha consentito nuovi studi e restituito nuova bellezza allo splendido Crocifisso ligneo policromo “grande al vero”, noto alla critica con l’attribuzione a Benedetto da Maiano, conservato in passato in diverse collocazioni all’interno dell’Educatorio del Fuligno, in quel luogo dall’alluvione del 1966.Dopo vari interventi, l’ultima operazione conservativa ha evidenziato la particolare fragilità della scultura e riproposto il problema della sua conservazione e valorizzazione. Così, un rapido accordo con l’attuale proprietà ha consentito nel 2011 il ritorno frll’opera al Cenacolo, ove può essere fruita accanto all’Ultima cena e alla Crocifissione con la Vergine e San Girolamo del Perugino, nel luogo più importante dell’antico monastero di terziarie francescane, riconfermandone lo stretto legame di linguaggio e clima culturale. Sabato 19 maggio, alle 12 nel Cenacolo del Fuligno (via Faenza 42, Firenze) la soprintendente Cristina Acidini e il Direttore del cenacolo, Brunella Teodori, presenteranno il volume Il Crocifisso del Fuligno. Storia, studi, conservazione, a cura di Anna Bisceglia, che racconta le vicende conservative dell’opera d’arte. Sono attesi anche il sindaco Matteo Renzi e il presidente dell’Asp Firenze Montedomini, Marco Seracini.

VILLA MEDICEA DI CERRETO GUIDI. Dopo la presentazione del suo ultimo libro dal titolo “L’onore perduto di Isabella de’ Medici”, la storica romana Elisabetta Mori sabato 19 maggio alle 17 torna alla Villa medicea di Cerreto Guidi per parlare ancora una volta delle lettere che la principessa Medici scambiava col marito Paolo Giordano Orsini, testimonianza di un grande amore purtroppo rimasto per secoli vittima della “leggenda nera” di casa Medici.

VILLA CORSINI. Per tutti gli amanti delle antichità, domenica 20 e 27 maggio, l’antiquarium di Villa Corsini sarà aperto eccezionalmente dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. In questa occasione, il personale del Polo Museale Fiorentino sarà a disposizione del pubblico per offrire un servizio di accompagnamento culturale alle collezioni archeologiche esposte nella cornice di questa splendida villa barocca. Con questa iniziativa, completamente gratuita per il pubblico, gli assistenti museali e i funzionari della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze intendono ricordare la figura di Antonella Romualdi, la direttrice del dipartimento di antichità classiche della Galleria degli Uffizi, alla cui infaticabile attività si è dovuta la riqualificazione e la restituzione al godimento della comunità delle splendide collezioni di statuaria classica conservate in questa villa.

Ultime notizie