mercoledì, 23 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaI negozi aperti in zona...

I negozi aperti in zona rossa e quelli chiusi nel weekend in tutta Italia

Dall'abbigliamento, ai fiorai, fino ai parrucchieri: quali negozi sono aperti in zona rossa e quali sono chiusi nel weekend in tutta Italia secondo il nuovo Dpcm

-

I negozi di abbigliamento e i fiorai sono aperti in zona rossa, secondo l’allegato 23 del nuovo Dpcm? E i parrucchieri? E ancora: in zona gialla e arancione tutti i negozi dei centri commerciali sono chiusi durante il weekend? Sono tanti i dubbi per lo shopping, ai tempi del Covid. A complicare le cose c’è anche una possibile modifica dell’ultimo Dpcm di marzo per tenere i negozi chiusi nei weekend in tutta Italia (non solo dentro i centri commerciali), oltre all’ipotesi di tagliare la lista di quelli che possono stare aperti in zona rossa. Ma andiamo con ordine.

Quali negozi possono stare aperti in zona rossa: le regole del nuovo Dpcm e la lista dell’allegato 23

Al momento la lista contenuta nell’allegato numero 23 del Dpcm del 2 marzo stabilisce quali negozi possono stare aperti e quali chiusi in zona rossa. Nei centri commerciali possono restare aperti, anche nel weekend, solo questi negozi: alimentari, supermercati, farmacie e parafarmacie, lavanderie, tabaccherie, edicole, fiorai, librerie. Chiusi tutti gli altri esercizi dentro gli shopping center.

Se si esce dai centri commerciali, l’elenco è più lungo, ecco quali negozi possono restare aperti in zona rossa secondo l’allegato 23 del Dpcm del 2 marzo:

  • negozi di prodotti alimentari (anche i banchi dei mercati ambulanti)
  • negozi di elettronica (computer, cellulari, elettrodomestici)
  • tabaccherie e sigarette elettroniche
  • distributori di benzina e combustibile per riscaldamento
  • ferramenta
  • commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  • negozi di giardinaggio e prodotti per l’agricoltura
  • negozi di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza
  • negozi di saponi e articoli per la pulizia di casa
  • librerie
  • edicole
  • cartolerie
  • negozi di abbigliamento per bambini
  • negozi di intimo
  • negozi di articoli sportivi
  • commercio di autoveicoli, motocicli
  • negozi di giocattoli
  • farmacie e parafarmacie
  • profumerie, erboristerie
  • fiorai
  • negozi per animali
  • ottici e negozi di fotografia
  • commercio al dettaglio di prodotti comprati su internet o a distanza
  • distributori automatici
  • lavanderie (allegato 24)
  • pompe funebri (allegato 24)

Quindi i negozi di abbigliamento non sono aperti in zona rossa, ma quelli di intimo per adulti o di vestiti per bambini sì. I parrucchieri non possono stare più aperti in zona rossa (come invece previsto dai Dpcm precedenti), chiusi i centri estetici. Via libera ai fiorai e ai negozi di elettronica in zona rossa. Qui il pdf con tutti gli allegati al decreto del 2 marzo. Come detto però il governo Draghi sta pensando di cambiare le regole già dal weekend del 13-14 marzo e sta valutando quali negozi lasciare aperti con il nuovo Dpcm modificato: l’ipotesi è ridurre drasticamente la lista di attività consentite in zona rossa, con molti esercizi chiusi sul “modello Codogno”.

Sabato e domenica: i negozi chiusi nel weekend in tutta Italia

Per quanto riguarda la zona gialla e arancione al momento tutti i negozi possono restare aperti, ma quelli nei centri commerciali sono chiusi il weekend (sabato e domenica) e nei giorni festivi. All’interno di queste grandi strutture, come nei parchi commerciali, possono restare aperte solo le attività che vendono beni di prima necessità: punti vendita alimentari (compresi i supermercati), farmacie e parafarmacie, tabaccherie, negozi di prodotti agricoli, fiorai, edicole, librerie, lavanderie e tintorie.

Il governo Draghi nel nuovo Dpcm modificato per la seconda metà di marzo sta però valutando una stretta in zona gialla e arancione durante il fine settimana. L’idea è riprendere il modello introdotto durante le feste natalizie. Quindi il nuovo Dpcm potrebbe introdurre in tutta Italia la zona rossa nei weekend, con la maggior parte dei negozi chiusi sabato e domenica anche in zona gialla e arancione. Le novità potrebbero scattare già nel fine settimana del 13 e 14 marzo 2021.

Ultime notizie