Home Sezioni Eventi L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

Tra la stagione scorsa interrotta dal covid e la prossima ancora da definire, l’Orchestra regionale della Toscana torna sul palco del Verdi con un programma di concerti per l’autunno. 500 i posti disponibili

© Nicola Allegri

Intermezzi“: si chiamano così, in musica, quelle composizioni che vengono suonate tra un atto e il successivo della stessa opera. E così – “Intermezzi”, appunto – l’Orchestra della Toscana ha scelto di intitolare il suo ciclo di concerti autunnali. Non una vera e propria stagione, ma il segnale della volontà di ripartire con la consueta proposta di qualità.

Venti serate in totale, tra concerti sinfonici (sedici in tutto), ai quali si aggiungono il concerto di Richard Galliano (il 5 novembre al Mandela Forum), lo spettacolo di Alessandro Riccio “Ti racconto Don Giovanni” (26 e 27 novembre) e “Il pupazzo di neve”, appuntamento per i più piccoli del 19 dicembre, a metà tra cartone animato e esibizione dal vivo.

I primi Intermezzi dell’Ort, l’Orchestra della Toscana

Il sipario al Teatro Verdi (la cui capienza stimata, a fronte del distanziamento, è di 500 posti) si alza il 29 e 30 settembre con Daniele Rustioni e Francesco Piemontesi (per quello che sarebbe stato l’ultimo concerto della passata stagione) e prosegue poi il 7 e 8 ottobre con Nuno Côrte-Real e Ana Quintans.

E ancora, Michele Campanella il 21 e 22 ottobre, cui seguirà John Axelrod (il 29 e 30 ottobre) che dirigerà il Triplo concerto per pianoforte, violino e violoncello di Beethoven. Il 19 e 20 novembre sarà la volta del direttore onorario dell’ORT James Conlon con due diverse proposte dal repertorio mozartiano. Valentin Uryupin e Alexandra Conunova saranno protagonisti l’11 e 12 dicembre prima del Concerto di Natale (il 23 e 24) che quest’anno vedrà sul podio Beatrice Venezi.