giovedì, 13 Giugno 2024
- Pubblicità -
HomeDove andare e cosa vederePicnic a Firenze: aree attrezzate...

Picnic a Firenze: aree attrezzate nei parchi o vicino alla città

Guida a misura di picnic: prati dove stendere la tovaglia, aree attrezzate con tavoli, parchi con barbecue per le grigliate

-

- Pubblicità -

Gita fuori porta o picnic vicino a Firenze, magari a poca distanza dal centro: che sia su un grande prato o in un’area attrezzata con barbecue, con la primavera torna la voglia di passare del tempo all’aria aperta. Così in città troviamo giardini dove distendere la tovaglia sull’erba o sedere, più comodamente, ai tavoli di legno, mentre tutto intorno alla piana ci sono colline, parchi storici, boschi per mangiare immersi nella natura. Munitevi quindi di vettovaglie e cestino: ecco i migliori posti dove fare un picnic a Firenze, idee buone anche per il 25 aprile e il 1° maggio.

Posti per fare picnic a Firenze: parchi vicino al centro

Per chi non ama lunghi viaggi in auto, esiste qualche opzione sotto casa. Il più gettonato (e anche il più affollato) è il parco delle Cascine, il più grande di Firenze con una striscia verde lunga 7 chilometri, grandi prati per merende sull’erba, ma senza un’area picnic dedicata: quindi meglio dotarsi di tovaglia e tavolini. Nella stessa zona, dall’altra parte dell’Arno, c’è il parco dell’Argingrosso: meno alberi, ma qualche tavolo dove accomodarsi. In zona centro-Oltrarno una buona alternativa è il parco della Carraia, nel quartiere di San Niccolò, dove di trovano panche e tavoli. Nel quadrante San Frediano c’è poi piazza Tasso, molto frequentata dalle famiglie con bambini della zona, che oltre a tavoli da picnic offre anche un campetto da calcio.

- Pubblicità -

Giardini e parchi fuori dal centro di Firenze con area attrezzata per picnic

Per fare un picnic in zona Firenze sud troviamo il parco dell’Anconella, attrezzato con tavoli “pubblici” (anche al coperto, grazie a delle strutture circolari con tetto di legno), giostra per bambini, area giochi e pista da skateboard. Prati e un bel panorama poi a Villa di Rusciano, 50mila metri quadrati di verde a Gavinana, dove stendere la tovaglia sul verde. Aree attrezzate invece nel parco di Villa Vogel all’Isolotto, davanti a una zona con scivoli e altalene che piace tanto ai bambini.

Poco più in là, tra Legnaia e Soffiano, consigliamo il parco di Villa Strozzi con un bel boschetto sulla cima (ma con pochi tavoli), in zona Rifredi invece il parco Baden Powell, accanto a quello di Villa Stibbert con tanto di monumenti da ammirare nel verde e, spostandosi di 700 metri, quello dell’Orticultura. Alle Cure c’è poi l’area Pettini, che oltre per i picnic è scelto spesso dalle mamme per le feste dei bambini. Ai piedi di Settignano si trova infine il parco del Mensola. Si tratta di circa 20 ettari che fanno parte di un’area naturale protetta, ma in questo caso bisogna portarsi una tovaglia da stendere a terra. Buona parte degli ampi prati non è ancora molto ombreggiata, per la presenza di alberi “giovani” e bassi, per questo è consigliato andarci per lo più in primavera.

- Pubblicità -

Pranzo sulla cima più alta di Firenze: picnic a Monte Senario e Monte Morello

Prendendo la macchina, nei dintorni di Firenze, le mete più comuni dove fare un picnic sono Monte Morello con una vista sulla piana fiorentina, oppure Monte Senario, abbinando una tappa al vicino santuario, o ancora il famoso pratone dell’Olmo, all’incrocio delle strade che portano a Firenze, Fiesole, Faenza e Bivigliano. Anche qui bisogna arrivare già muniti di tovaglia e tavolino ripiegabile.

Sul versante di Fiesole, il parco Monte Ceceri offre la possibilità di passeggiate nel bosco con scorci unici sul centro di Firenze e anche l’opportunità di fare picnic nelle aree attrezzate per la sosta con tavoli di legno.

- Pubblicità -

Il parco mediceo di Pratolino (alias “Villa Demidoff”)

Con la bella stagione da Pasqua 2024 ha riaperto un’altra classica meta per il picnic (non solo quello di Pasquetta): il parco mediceo di Pratolino, conosciuto dai fiorentini anche come “Parco di Villa Demidoff“, la famiglia di origine russa che più di 40 anni fa donò il gioiello verde alla Provincia. Un ottimo luogo dove stendere la tovaglia nel verde, circondati dalle tante perle di questo grande giardino monumentale, a partire dall’imponente colosso dell’Appennino realizzato dal Buontalenti.

Ma le bellezze storiche sono davvero molte, tant’è che durante la stagione di apertura vengono organizzate visite guidate e iniziative. E quest’anno nel polmone verde arriva pure la musica del festival Musart (tra i nomi Roberto Vecchioni, Loreena Mc Kennitt, Il Volo, Pooh). Per il 2024 l’orario di apertura del Parco di Pratolino (Vaglia) va dalle 10 alle 20 ogni venerdì, sabato, domenica e festivi da aprile a settembre (10-18 per il mese di ottobre). Previste aperture straordinarie anche per il ponte del 1° maggio (29, 30 aprile e 2 maggio). L’ingresso è gratuito.

Parco mediceo Pratolino Villa Demidoff
Il colosso dell’Appennino, nel parco mediceo di Pratolino

Dove fare picnic nei dintorni Firenze: le aree attrezzate con barbecue

Per gli amanti della carne alla brace, basta prendere l’auto per raggiungere in poco tempo aree attrezzate con barbecue. È bene però munirsi di griglia, carbonella e di tutto il necessario. A Campi Bisenzio ci sono i 15 ettari del Parco Chico Mendes, con boschetti, una serie di laghetti e un’area picnic dotata di tavoli e panche di legno oltre a strutture in muratura per fare ottime grigliate di carne. A poca distanza si trova la passerella ciclopedonale San Donnino – Badia a Settimo che collega le due sponde dell’Arno.

Area barbecue inoltre nel parco di Villa Mondeggi, a Bagno a Ripoli, che al suo interno presenta 7 zone attrezzate con tavoli da picnic e strutture in muratura per le grigliate. Un’area naturale dove non è difficile sorgere animali selvatici immersi nel loro habitat. Se si accede da via di Pulicciano è possibile usufruire di un’area parcheggio.

Il Parco Fluviale di Lastra e Signa e il bosco di Fonte Santa

Un’altra tappa dove fare un picnic nei dintorni di Firenze è il Parco Fluviale di Lastra a Signa, da non confondere con i Renai di Signa, che si trovano invece dall’altra parte dell’Arno (anche questi ottima meta per pranzi sull’erba). Il parco fluviale lastrigiano, circa 19 ettari, è una distesa di vedi prati, disseminata di alberi tra cui suggestivi salici piangenti. Si trova a 5 minuti dall’uscita della Fi-Pi-Li, mentre per chi ama camminare è raggiungibile percorrendo la sponda sinistra dell’Arno, partendo da Mantignano o, più giù, dalla passerella di Badia a Settimo. All’interno del parco fluviale di Lastra a Signa non sono disponibili tavoli o aree barbecue, bisogna quindi arrivare già attrezzati con pranzo al sacco, cestino e tovaglia. In alternativa all’ingresso, vicino al parcheggio, si trova un buon ristorante-locanda-pizzeria. Quest’anno all’interno del parco fluviale sono sbocciati perfino i tulipani.

A Calenzano, c’è poi il Parco di Travalle, una grande area verde fra la Calvana e il colle di Calenzano dove fare camminata, che offre pure una zona con tavoli per un pranzo all’aria aperta. Spostandosi verso la zona sud di Firenze, a Bagno a Ripoli troviamo una piccola oasi dove  andare per un picnic nel verde: il bosco di Fonte Santa, tra la frazione di San Donato in Collina e il comune di Rignano sull’Arno. La particolarità di questo parco, in cui sgorga una sorgente d’acqua, è che nonostante si trovi a quasi 100 chilometri dal mare la vegetazione è quella tipica della costa tirrenica.

Dove fare un picnic nel Mugello

Nei dintorni di Firenze, anche il Mugello offre varie posti per fare un picnic. Per un boccone e un tuffo, ci si può dirigere verso il Lago di Bilancino, tra la spiaggia sassosa sul lato del Bahia caffè o dall’altra parte dell’invaso sulla sponda del bosco del Turlaccio. In questi due punti il lago è balneabile, non ci sono però tavoli, quindi bisogna arrivare attrezzati. Diverse invece le aree picnic nel Parco Giogo-Casaglia, con sentieri ben segnalati e ombreggiati. Ecco l’elenco dei punti dove potersi fermare: Prato all’Albero, Fontefredda, vicino al Museo della Civiltà Contadina di Casa d’Erci, al Rifugio Badia di Moscheta, ai rifugi di Frassineta, Castellonchio, Valdiccioli, La Serra, ai bivacchi di Capanna Marcone, Cà di Cicci, Le Piane.

Il classico picnic fuori Firenze: Vallombrosa

Infine un classico. Tra i posti freschi fuori Firenze dove fare un bel picnic come dimenticare la riserva naturale di Vallombrosa (nel comune di Reggello), alle pendici del Pratomagno. Il più gettonato è il celebre “pratone” vicino l’abbazia dotato di tavoli e area attrezzata per il barbecue (in muratura). Durante la stagione calda la zona può essere presa d’assalto, ma quest’immensa area boschiva offre sentieri da scoprire (anche nella foresta si trovano dei tavolini), gli arboreti sperimentali, luoghi storici come l’abbazia, tabernacoli e cappelle.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -