domenica, 4 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniFiorentinaL'intervista di Commisso: “Non vendo...

L’intervista di Commisso: “Non vendo la Fiorentina”

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso, in un'intervista a Italia7, ha parlato di futuro, dello stadio Franchi e del Viola Park

-

- Pubblicità -

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso è tornato a parlare in un’intervista rilasciata a Italia7 e lo ha fatto su più argomenti: il club e l’eventuale cessione, lo stadio Artemio Franchi, il Viola Park.

L’intervista di Commisso: no alla vendita della Fiorentina

Uno dei punti principali dell’intervista del presidente della Fiorentina Commisso è legato alla cessione del club. Commisso ha detto che non è mai arrivata un’offerta da parte del fondo Pif che sembrava potesse essere interessato al club viola. E comunque, ha ribadito, “ho l’intenzione di tenere questa società, per fare ancora meglio”. Commisso dunque si tiene la Fiorentina e non ha intenzione di venderla. Nonostante le critiche: “Tutti mi criticano ma non è giusto – attacca -. Dai Pontello ai Della Valle, hanno speso 100 milioni in 40 anni. Forse a qualcuno non piaccio per come agisco, dalla politica fino al mondo del giornalismo”.

Commisso, lo stadio Franchi e la posizione del club

- Pubblicità -

C’è spazio anche per alcune riflessioni sul restyling dello stadio Franchi. Nell’intervista il presidente della Fiorentina Commisso parla dell’incontro che ha avuto con gli architetti di Arup, che hanno vinto il concorso internazionale, e il Comune di Firenze. Sul Franchi però Commisso ha detto che deve capire dove gioca la Fiorentina, quanti soldi serviranno per l’affitto, i tempi di inizio e di fine dei lavori. Secondo il patron viola i tecnici di Arup hanno fatto un buon lavoro, di certo sarà il Comune a pensare allo stadio perché “non posso fare un altro investimento da 400 milioni”. E comunque “senza controllo poi Rocco non mette un centesimo”.

Commisso e il nuovo centro sportivo della Fiorentina

- Pubblicità -

Il discorso è virato anche sul Viola Park, il centro sportivo della Fiorentina. Nell’intervista a Italia7 il presidente della Fiorentina Commisso ha detto che l’obiettivo è sempre stato lasciare qualcosa di importante per Firenze. Però Commisso ha rivelato che, al rientro in Italia un mese e mezzo fa, ha visto cose che non andavano bene. Insomma, il cantiere procedeva con lentezza rispetto alle aspettative. E per questo Commisso ha chiesto di accelerare i tempi anche se, dice un po’ sconsolato, i costi sono incrementati e c’è il problema che in Italia non si possono fare i doppi turni di lavoro.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -