domenica, 24 Ottobre 2021
HomeSezioniSportIl Giunti Firenze Rugby beffato...

Il Giunti Firenze Rugby beffato all’ultimo minuto

Giunti Firenze Rugby - Blugeo Colorno

-

Il Giunti si presenta con Lo Valvo estremo, Rosignoli, Beretta, Rios e Jarvis dietro, Falleri all’apertura e rientro in mediana per Morace, capitano. Moss, Ippolito e Santi in terza linea, Nuti e Parri in seconda, Cingolani e Chiostrini piloni, tallonatore Fanelli. La lista degli assenti, fra infortuni, squalifiche e convocazioni è lunga: pesano le assenze di Segundo, Rodwell e Bastiani. Il primo tempo è abbastanza tattico, calci su calci e molta pressione. Le mischie si fronteggiano. All’8 Falleri apre le marcature con un calcio: 3 a 0. Risponde Cook per il 3 a 3. Una bella azione Rosignoli, Lo Valvo, Jarvis porta in meta il trequarti di Bristol per il 10 a 3, grazie alla trasformazione di Falleri. Il Colorno si fa più pericoloso ma è un errore in chiusura dei fiorentini che permette al tre quarti ospite Spadaro di segnare una meta e riportare il punteggio sul 10 a 8.

Nel secondo tempo entrano Cintelli per Beretta e Ben Taleb per Parri al 7′, Lunardi per Cingolani al 9′. Dopo un quarto d’ora, grande azione del Giunti con un’incursione di Rios sostenuta da Moss e Falleri che in vicinanza della meta si fa un calcetto a seguire con il quale supera l’ultima linea di difesa degli  ospiti e segna: 15 a 8. Al 19′ giallo a Moss e un calcio piazzato di Cook per il 15 a 11. La meta di mischia di Lunardi al 68′ porta il punteggio sul 20 a 11 e il match sembra nelle mani biancorosse.

Gli ultimi minuti sono però fatali. Il Colorno segna infatti una meta di mischia al 33′ con Privitera. Cook trasforma da posizione difficile e si va sul 20 a 18. Entra in campo Leoni per Santi e si rivede al Padovani una delle bandiere fiorentine, Federico Musotti che prende il posto di Ippolito. Allo scadere l’estremo del Colorno piazza un drop per il 21 a 20. In pieno recupero il Giunti ha un’ultima occasione ma sul calcio di punizione la sorte non è amica al quindici gigliato. Un finale beffardo che ha vanificato quanto di buono la squadra era riuscita a realizzare nel corso della gara, fra cui tre mete di ottima fattura.

Ultime notizie