giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniSportMondiali di ciclismo 2013, conclusa...

Mondiali di ciclismo 2013, conclusa la visita dei delegati

Si è conclusa la visita di Philippe Colliou e Philippe Chevallier, i due delegati dell'Unione ciclistica internazionale che in questi giorni erano in Toscana per valutare alcuni aspetti logistici e organizzativi relativi alla candidatura della regione ad ospitare i Mondiali di cicismo 2013.

-

I delegati hanno visitato Firenze, Lucca, Pistoia e Montecatini Terme, le località toscane chiamate a rappresentare l’Italia nel mese di settembre quando a Melbourne l’Uci deciderà la sede dell’evento iridato. Dovranno superare le candidature di Ponferrada (Spagna) e Hooglede (Belgio). I delegati hanno potuto visionare il percorso scelto per il mondiale sorvolandolo a bordo di un elicottero, ed hanno effettuato altri sopralluoghi sono in Palazzo Vecchio, col Salone dei Cinquecento sede indicata a ospitare il congresso Uci del 2013, al Mandela Forum, che dovrebbe ospitare il media center, e alcune strutture alberghiere nelle varie città.

“Quando gli obiettivi sono ambiziosi – ha detto il vicesindaco e assessore allo sport di Firenze Dario Nardella, nella sua veste di presidente del comitato promotore della candidatura – i toscani sanno fare squadra, come in questo caso con grande professionalità, coesione e condivisione di un progetto storico: portare per la prima volta i campionati mondiali di ciclismo a Firenze, Lucca, Pistoia e Montecatini Terme”.

“Siamo certi – ha aggiunto Nardella – che la visita dei delegati Uci abbia soddisfatto tutte le loro curiosità e richieste e abbia lasciato un’ottima impressione, soprattutto per l’immagine di un gruppo consapevole delle proprie capacità”. “Da oggi – prosegue – con il sostegno forte e leale del presidente federale Renato Di Rocco, procederemo a tutti gli atti necessari e al reperimento delle risorse indispensabile per arrivare al decisivo appuntamento di Melbourne con tutte le carte in regola. Sarà fondamentale il supporto di tutte le istituzioni pubbliche, del Governo che ci ha già dimostrato attraverso il ministro Matteoli e le parole del prefetto De Martino l’ampia disponibilità a collaborare, del mondo bancario, dei soggetti privati, uniti tutti insieme verso un grande obiettivo”.

Ultime notizie