venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniArte & CulturaAfrican Sky, a Firenze uno...

African Sky, a Firenze uno sguardo diverso sull’Africa

-

L’amico della coppia Alessandro Mencarelli, avvocato penalista di Pistoia e fotografo dilettante con una notevole  passione per l’Africa, li ha aiutati in questa impresa. A Pistoia la coppia gestiva già il ristorante di un circolo Arci mentre adesso hanno pensato di aprire un locale che non fosse solo un posto dove gustare piatti tradizionali africani ma che fosse anche un centro di cultura del continente nero diverso dal solito.
African Sky propone ai suoi clienti lo “zighinì”, piatto nazionale di manzo piccante, il “mincetabish” preparato con carne macinata al curry o la crema di ceci detta “shuro”. La cena può essere consumata sia a tavola, ma anche in una saletta appartata dove accovacciarsi intorno a un grande contenitore da cui prendere il cibo e mangiarlo accompagnandolo col pane insieme agli altri commensali, come nella migliore tradizione eritrea. Al cibo si uniscono le sfumature meno note della cultura, attraverso incontri e dibattiti, mostre d’arte e concerti di musica etnica.

La coppia eritrea, che ha due figlie di 7 e 15 anni,  vive in Toscana da molti anni, ma nutrono ancora una profonda nostalgia per la loro terra lontana di cui ricordano intensamente profumi e colori. A Firenze Alem ha imparato il senso di appartenenza ad un luogo non legato alla nascita, ma alla presa di consapevolezza della sua cultura. A Firenze ormai si sente a casa sua. Million, che è arrivato qui solo nel 2002, ma si è già lasciato influenzare dalla consorte, pur non dimenticando le sue origini. La coppia sta approntando un ricco programma di eventi, idee, obiettivi e concetti creativi da vivere e proporre nel loro locale nei prossimi mesi.

Ultime notizie