Home Sezioni Cronaca & Politica Cosa cambia dal 21 giugno: coprifuoco, zona bianca, ristoranti. Le regole

Cosa cambia dal 21 giugno: coprifuoco, zona bianca, ristoranti. Le regole

Dall'abolizione del coprifuoco alla conferma delle mascherine: cosa si può fare e cosa cambia del Dpcm in zona bianca. Le regole dal 21 giugno 2021

dal 21 giugno cosa cambia regole zona bianca coprifuoco ristorante cosa si può fare

Il coprifuoco viene tolto del tutto, in zona bianca non c’è più il limite di 6 persone al tavolo dei ristoranti al chiuso e queste stesse regioni dicono addio a quasi tutte le chiusure imposte dal Dpcm (a eccezione delle discoteche): ecco cosa cambia dal 21 giugno 2021, secondo le regole del decreto riaperture bis. Con l’arrivo dell’estate, l’Italia passa quasi tutta in bianco e dice addio a molte limitazioni imposte per l’emergenza Covid. Attenzione però, in zona bianca è sempre obbligatorio indossare la mascherina, rimangono le regole su quante persone possono stare in macchina e ci sono limiti anche per le feste private. Facciamo allora il punto su cosa si può fare dal 21 giugno 2021.

Fine del coprifuoco in zona bianca e gialla dal 21 giugno

Da lunedì 21 giugno il coprifuoco viene abolito in tutta Italia (in zona bianca lo è in automatico, ora viene tolto anche in gialla): questa nuova data sancisce così la fine del divieto agli spostamenti notturni che era entrato in vigore oltre 7 mesi fa, durante la seconda ondata di Covid. Il decreto riaperture bis ha infatti previsto un allentamento graduale del coprifuoco, che in zona gialla è stato spostato prima dalle 22 alle 23, poi alle 24 (lo scorso 7 giugno) e infine da lunedì viene eliminato del tutto. Dunque non c’è più un orario di chiusura anticipato per i locali notturni.

Dpcm, dal 21 giugno cosa cambia nelle regioni che diventano zona bianca: le regole per feste e discoteche

Dal 21 giugno diventeranno zona bianca anche Toscana, Marche, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e la provincia autonoma di Bolzano, soltanto la Valle d’Aosta resterà gialla per un’altra settimana. Con il cambio di colore rimarranno in vigore solo le regole anti-Covid basilari previste dal vecchio Dpcm. Dunque riaprono terme, centri benessere, piscine al chiuso, circoli culturali, le sale scommesse e i bingo. Al momento in zona bianca le discoteche possono stare aperte come ristoranti o bar, ma senza la possibilità di ballare. Un via libera alle danze è atteso dal 1° luglio, con l’ok del Cts.

Come successo in zona gialla dallo scorso 15 giugno, in zona bianca si possono fare feste private, ricevimenti e banchetti dopo cerimonie civili e religiose (matrimonio, battesimo, party di laurea, compleanno) muniti di green pass. Nelle case restano vietati assembramenti e feste fuori dai protocolli anti-Covid, anche se non ci sono più limiti al numero di persone che si possono spostare verso un’abitazione diversa dalla propria.

Cosa si può fare in zona bianca: mascherina, quanti in macchina e al tavolo del ristorante

In zona bianca al momento resta l’obbligo di indossare la mascherina al chiuso e all’aperto, come succedeva nelle regione gialle, e rimane anche il numero limite su quante persone possono stare in macchina se non si è conviventi, previsto dal Dpcm: a bordo di un’auto si può viaggiare in auto in 3 ma non in 4. Dopo il 21 giugno cambiano le regole sulla capienza dei tavoli dei ristoranti al chiuso: lunedì infatti scade l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, che fissava il limite a 6 persone per ogni tavolo negli spazi interni del ristorante.

Per eventuali dubbi sulle regole anti-Covid dei decreti legge e Dpcm, in vigore dal 21 giugno 2021, è possibile consultare le risposte alle domande più comuni sul sito del governo, a questo link.