martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Zona arancione e rossa, visita...

Zona arancione e rossa, visita ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi? E si possono portare i bambini dai nonni? Le regole del Dpcm per le zone arancioni e rosse

-

Un sottile confine. È quello che separa cosa è consentito fare e cosa invece è vietato durante l’emergenza Covid. Un caso particolare è quello della visita ai congiunti che vivono fuori comune, se ci si trova in una zona arancione oppure in un’area rossa: si può andare a vedere i parenti, gli amici o il fidanzato se queste persone abitano in comuni diversi? La questione non è così semplice, ecco le regole.

Zona arancione e rossa: si possono vedere i congiunti?

Prima di tutto prendiamo in considerazione il caso più facile, quello in cui i congiunti si trovano nello stesso comune: nelle regioni zona rossa c’è il divieto di far visita ad amici e parenti non conviventi in qualsiasi luogo all’aperto o al chiuso (come succedeva nel lockdown), mentre per la zona arancione l’ultimo Dpcm prevede solo una “forte raccomandazione”.

Per quanto riguarda la zona rossa (in cui finirà presto anche la Toscana) le risposte ai dubbi più comuni riportate sul sito governo sono molto chiare, ecco cosa si legge nelle FAQ:

Non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso

Questo divieto è previsto perché le regole delle zone rosse vietano ogni spostamento non solo al di fuori ma anche all’interno del comune dove si vive, se non per motivi lavorativi, di salute o situazioni di necessità.

Se ci si trova invece  in una zona arancione e i congiunti abitano nello stesso Comune il decreto non introduce un divieto esplicito, ma “raccomanda fortemente” di non ricevere a casa amici, parenti e persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza. Resta comunque il divieto agli spostamenti dalle ore 22.00 alle 5.00 del mattino per il cosiddetto coprifuoco (salvo che per motivi di lavoro, salute e necessità): in questo orario non si possono  andare a vedere i congiunti anche se vivono nello stesso comune, sia fuori che in casa.

Zona arancione: si può andare a far visita ai congiunti fuori Comune? E il fidanzato?

La questione della visita tra congiunti che vivono in Comuni diversi, all’interno di una regione classificata come zona arancione, invece è piuttosto dibattuta, come nel caso di due fidanzati divisi da un confine intercomunale. In queste aree infatti vige il blocco degli spostamenti tra comuni, permessi soltanto per motivi di lavoro, di salute, di studio (per andare a scuola) e di necessità da giustificare compilando l’autocertificazione.

Se si prende alla lettera l’ultimo Dpcm, nella zona arancione non si può far visita ai congiunti se questi abitano fuori dal nostro comune di residenza o domicilio. Si possono vedere però se c’è un motivo di necessità, ad esempio per assistere una persona non autosufficiente. In quest’ultima situazione va ricordato però che le persone anziane o che soffrono già di altre malattie sono le categorie più vulnerabili e quindi viene raccomandato di proteggerle dai contatti il più possibile, per prevenire eventuali contagi da Covid. Sono sempre consentiti inoltre gli spostamenti dei genitori separati per andare a prendere i figli minorenni anche in comuni diversi.

I nonni che vanno a prendere i nipoti a scuola: le regole per la zona arancione

C’è poi una domanda che si pongono molti genitori, soprattutto quelli single, riguardo a un tipo “speciale” di congiunti: posso portare i bambini dai nonni o possono i nonni prendere i nipoti a scuola? Nelle FAQ del governo viene specificato che è fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra i soggetti più esposti alle complicazioni del nuovo coronavirus: nella zona arancione o in quella rossa “lo spostamento – si legge sul sito della Presidenza del Consiglio – è ammesso solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore”.

In questo caso specifico si possono portare i bambini dai nonni ma gli spostamenti devono avvenire lungo il tragitto strettamente necessario per raggiungere la casa dei parenti.

Ultime notizie

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre