giovedì, 6 Agosto 2020
Home Cosa fare a Firenze Cosa fare a Firenze (senza...

Cosa fare a Firenze (senza uscire di casa)

Qualche idea per passare il tempo tra le quattro mura domestiche: cosa offre Firenze (a domicilio) in questi giorni difficili per l'emergenza coronavirus

-

Un weekend sui generis, come del resto lo saranno le nostre settimane almeno fino al prossimo 3 aprile per lemergenza coronavirus. Abituati come siamo a correre da una parte all’altra, tra eventi, impegni e appuntamenti con gli amici, ritrovarsi per un lungo tempo tra le mura domestiche può essere spiazzante: senza perdere d’occhio Firenze, anche noi della redazione de Il Reporter ci siamo chiesti cosa fare per passare il tempo in questi giorni, senza uscire di casa e senza annoiarsi. Ecco le idee che ci sono venute in mente.

Visitare i musei di Firenze gratis, dal divano di casa

Nonostante le porte dei musei fiorentini siano serrate, possiamo sempre dare una sbirciatina dentro le sale piene di opere e mostre, gratis e senza lasciare il divano. Le Gallerie degli Uffizi hanno lanciato il progetto “Uffizi Decameron”, una campagna di comunicazione con foto, video e storie sui canali social di questi luoghi d’arte per riscoprire i capolavori conservati al loro interno.

Aperti (sul web, ovviamente) anche i musei comunali di Firenze che danno una risposta a chi si chiede cosa fare in casa, proprio nei giorni dell’emergenza coronavirus: le visite guidate sbarcano infatti sui social con video per scoprire i segreti di Palazzo Vecchio, Museo Novecento, MAD Murate Art District, Museo Bardini e Santa Maria Novella. In programma dirette streaming interattive con i personaggi in costume e “Musei fatti in casa”, video con laboratori e idee per intrattenere i bambini grazie a lavori manuali.

Palazzo Strozzi mantiene infine il rapporto con i suoi visitatori proponendo il progetto “In contatto”: il blog del sito palazzostrozzi.org si trasforma in una piattaforma di testi, immagini, video, storie e approfondimenti a disposizione di tutti, per riflettere sull’arte. Punto di partenza la mostra “Aria” di Tomás Saraceno.

Il Teatro della Pergola sul web: Firenze Tv

Nasce il canale Youtube “Firenze Tv”, realizzato dalla Fondazione Teatro della Toscana, di cui fa parte anche il Teatro della Pergola: un contenitore dei video originali creati da artisti come Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino, Giancarlo Sepe, Gabriele Lavia e molti altri. Primo contributo, i Sillabari di Goffredo Parise letti da Stefano Accorsi, online venerdì 13 marzo, 20:45, il tradizionale orario di inizio degli spettacoli della Pergola.

Esercizi da fare in casa: corsi online e allenamento grazie alle palestre di Firenze

Cosa fare per tenersi in forma quando non possiamo uscire di casa e dobbiamo anche limitare al massimo le nostre passeggiate per Firenze? Esercizi, allenamenti e mini-corsi da seguire sul web: le palestre e le tante realtà sportive della città hanno realizzato video-tutorial che consigliano le attività di fitness perfette anche per il soggiorno. Qui vi segnaliamo i corsi online delle palestre fiorentine.

Pure i centri yoga usano gli strumenti digitali per proporre lezioni a distanza: in questo articolo abbiamo raccontato la storia di una realtà alla periferia di Firenze che ha trasferito i suoi corsi su Youtube già nel giorno delle prime limitazioni per il coronavirus, sancite dal decreto dell’8 marzo.

Partecipare al concorso sui migliori balconi fioriti di Firenze

La primavera si avvicina a lunghi passi e allora per non annoiarsi in casa e combattere la paura da coronavirus possiamo darci al giardinaggio e partecipare al concorso lanciato dal Comune di Firenze “Fiori a Fiorenza”. Fino al 30 aprile è possibile prendere parte a questo contest che premierà i balconi, le terrazze e davanzali fioriti. Basterà scattare una foto della propria creazione e iscriversi online sul sito della Società Toscana di Orticultura. Una giuria premierà i 10 migliori balconi, due per quartiere.

Disegnare un arcobaleno perché “Andrà tutto bene”

Le immagini stanno facendo il giro del web: anche a Firenze giorno dopo giorno stanno comparendo alle finestre e ai balconi cartelli di speranza, con un arcobaleno e la frase diventata simbolo della resistenza al coronavirus, “Andrà tutto bene”. Un cosa senza dubbio da fare, per andare avanti con coraggio.

Andrà tutto bene Firenze cartelloni

Leggere o ascoltare una bella storia

Il primo settore della cultura a reagire è stato quello delle librerie di Firenze, che in poco tempo hanno deciso cosa fare per non lasciare soli i propri lettori durante la “quarantena” da coronavirus. E così non solo la spesa alimentare viene consegnata a domicilio, c’è anche chi recapita libri porta a porta, come Todo Modo che a una buona lettura aggiunge un ottimo vino. Altre “case di carta” e della cultura si sono mobilitate sui social: la coppia più amata dai bambini dell’Isolotto, Farollo e Falpalà, racconta video fiabe su Facebook, l’Arcolaio offre un servizio di favole al telefono.

Medialibrary: le biblioteche di Firenze e della Toscana (aperte sul web)

Per chi non ha avuto modo di andare in libreria prima della serrata per il coronavirus c’è Medialibrary, la biblioteca online della Regione Toscana. Il portale è gratis, è necessario avere le credenziali rilasciate dalle biblioteche di Firenze della Toscana, e dà accesso a riviste, libri e risorse digitali.

Ultime notizie

Bonus computer 2020: ok dell’Ue al voucher da 500 euro per l’acquisto di un pc

Un buono da 500 euro riservato ai redditi bassi per l'acquisto di pc, tablet o connessione a internet: come funziona il bonus computer

Coronavirus in Toscana, 11 nuovi casi. Due positivi dai test negli aeroporti

Dieci nuovi casi e di nuovo un paziente in terapia intensiva: dati e notizie di oggi, 5 agosto, sul coronavirus in Toscana

Cinema a Villa Bardini: i film in programma ad agosto

Per la prima volta il grande schermo arriva in uno dei parchi storici più belli della città. Film anche ad agosto e un giorno a settimana la proiezione è gratis per le famiglie

Estate 2020 a Firenze: tra i musei aperti anche il Bargello

Il Museo del Bargello torna ad aprire al pubblico tra grandi capolavori, regole anti Covid e un'impalcatura nel cortile