- Pubblicità -
Home Sezioni Cronaca & Politica Ztl Firenze: orari zona per zona, regole e mappa delle telecamere

Ztl Firenze: orari zona per zona, regole e mappa delle telecamere

- Pubblicità -
ztl firenze orari mappa telecamere

Zona a traffico limitato, istruzioni per l'uso. Quando e dove sono attive le porte telematiche che sorvegliano il centro di Firenze

- Pubblicità -

La ztl di Firenze (zona a traffico limitato) può contare su oltre 30 telecamere che sorvegliano l’accesso a tutto il centro storico: le porte telematiche sono attive in orari specifici e, senza un permesso, se non si ha ben chiara la mappa dei divieti, si rischia una multa. Nella maggior parte dei settori gli occhi elettronici che rilevano automaticamente le targhe dei veicoli sono accese tutto l’anno (salvo la domenica e i festivi), mentre in altre aree durante la bella stagione scatta la ztl estiva notturna. Ecco la nostra guida:

La mappa della Ztl di Firenze e delle telecamere

La Ztl di Firenze è suddivisa in 5 sotto-zone, chiamate settori, che coprono tutto il centro storico della città e l’Oltrarno con orari diversi, eccole in dettaglio:

  • Settore A
    copre il cuoredel centro storico, da Santa Maria Novella a piazza dell’Unità, da San Lorenzo alla zona del Duomo fino a via dei Benci;
  • Settore B
    è tutta quella zona compresa dentro i viali di circonvallazione fiorentini (esclusa la parte più centrale di Firenze, che com’è detto fa parte del settore A), con qualche piccola eccezione per le piazze lungo il perimetro del settore;
  • Settore O
    La “O” sta per “Oltrarno” e interessa tutta questa zona di Firenze da San Frediano a piazza Tasso e Porta Romana, comprendendo al suo interno anche le aree di piazza del Carmine, piazza Santo Spirito, Palazzo Pitti;
  • Settore F
    riguarda in particolare la zona di San Niccolò e le strade dell’area tra piazzale Michelangelo e viale Galileo;
  • Settore G
    si tratta del settore più piccolo nella mappa della ztl di Firenze e interessa il tratto di lungarno della Zecca Vecchia che va da piazza Piave a piazza Cavalleggeri, davanti alla Biblioteca nazionale.

Gli orari della Ztl di Firenze (anche per l’accesso sabato, domenica e festivi)

- Pubblicità -

Gli orari di funzionamento dei settori della Ztl di Firenze cambiano a seconda della zona:

  • Settori A, B e O
    La ztl è attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle 20.00; sabato dalle 7.30 alle 16.00 (orari estesi in notturna per la Ztl estiva, vedi più avanti)
  • Settori F e G
    Dal primo giovedì di aprile alla prima domenica di ottobre in questi due settori scatta la ztl estiva notturna. Negli altri momenti dell’anno l’accesso dei veicoli non è regolamentato.

Ma quali sono gli orari della ztl di Firenze la domenica e nei festivi? Nei giorni rossi del calendario, la ztl di Firenze non è attiva (ma ovviamente restano in vigore le limitazioni per le aree pedonali), mentre il sabato le telecamere sono accese secondo gli orari riportati sopra.

- Pubblicità -

Cliccando sull’immagine qui sotto è possibile scaricare in pdf la mappa dettagliata della Ztl e delle telecamere presenti a Firenze.

Mappa Ztl Firenze zona traffico limitato porte telematiche

La ztl estiva notturna: gli orari da aprile a ottobre

- Pubblicità -

Un caso particolare è quello della Ztl estiva notturna che dal 2019 è attiva per tutti i settori (A, B, O, F e G) dal primo giovedì di aprile alla prima domenica di ottobre (per il 2023 da giovedì 6 aprile a domenica 1° ottobre), ecco con quali orari:

  • giovedì dalle ore 23 alle 3 del giorno successivo;
  • venerdì dalle ore 23 alle 3 del giorno successivo;
  • sabato dalle ore 23 alle 3 della domenica.

Dunque il giovedì e venerdì, per chi vuole accedere al centro di Firenze all’ora di cena, resta la finestra dalle 20 alle 23 in cui la ztl non è attiva, che si amplia il sabato dalle 16 alle 23.

Chi può entrare e chi no. Il parcheggio in centro

- Pubblicità -

La mappa della Ztl di Firenze comprende oltre 30 porte telematiche con tecnologia “Telepass” dotate di telecamere che sorvegliano gli accessi e possono elevare multe: sono dotate di un pannello luminoso che informa gli automobilisti durante gli orari di funzionamento dei varchi elettronici (scritta rossa “Ztl attiva” o verde “Ztl non attiva”). I varchi che sorvegliano le corsie riservate a bus e mezzi di soccorso sono sempre accesi, 24 ore su 24.

Quando la ztl non è attiva, si può entrare nel centro storico di Firenze, ma attenzione a parcheggiare l’auto: i posti per residenti (che possono essere indicati con le strisce bianche o gialle) restano riservati a chi vive nella zona. La ztl di Firenze riguarda le auto, mentre le bicilette e i motorini possono entrare in tutti i settori (ma non passare nelle corsie preferenziali). Le auto elettriche (non quelle ibride) immatricolate per il trasporto delle persone possono accedere alla ztl di Firenze solo se inserite nella cosiddetta “lista bianca“, facendo richiesta online sulla piattaforma di SAS Servizi alla Strada

Evitare la multa: il permesso per la ztl di Firenze

Ci sono poi dei permessi, rilasciati sempre da SAS Servizi alla Strada, per accedere alla Ztl di Firenze pagando una tariffa e in alcuni casi possono fare richiesta anche i non residenti. Ecco chi può fare domanda di permesso:

  • residenti in uno dei settori della ztl (con contrassegno);
  • Chi accompagna bambini o minori a scuola, asilo e materne, se l’istituto si trova in un settore della ztl;
  • Chi presta assistenza domiciliare nella ztl (per esempio a persone non autosufficienti);
  • Chi ha un’attività commerciale o artigianale con sede all’interno della ztl di Firenze;
  • Società di trasporto e consegna merce (con limiti orari);
  • Imprese di costruzione e impegnate in cantieri;
  • Artigiani e riparazione d’urgenza;
  • Agenti e rappresentati di commercio;
  • Lavoratori in orario notturno (dalle ore 20 alle 7.30);
  • Società di vigilanza privata;
  • Medici e personale sanitario;
  • Clienti di parcheggi; di alberghi, pensioni, B&B e strutture ricettive autorizzate; di autofficine, elettrauto, carrozzieri e gommisti che si trovano nella ztl di Firenze (inserimento in lista bianca da parte dell’attività commerciale o ricettiva);
  • Invalidi;
  • Chi è diretto a ospedali o strutture sanitarie in ztl;
  • Donne in gravidanza e famiglie con bambini fino a 2 anni.

Inoltre vengono rilasciati permessi giornalieri per la ztl, sempre con il pagamento di una tariffa: un permesso è per il solo transito nella zona a traffico limitato, l’altro anche per parcheggiare. Tutti i dettagli sono specificati nel disciplinare della Ztl disponibile sul sito del Comune di Firenze.

La ztl delle Cascine

In passato si è parlato di un allargamento della zona a traffico limitato di Firenze, tramite le telecamere della ztl delle Cascine, con orari differenziati per le due direttici che attraversano il principale parco cittadino. Sono 4 le porte telematiche installate in viale dell’Aeronautica e in viale degli Olmi. Il progetto del Comune era quello di creare una ztl attiva 24 ore su 24 in viale dell’Aeronautica e un altro settore in viale degli Olmi attivo soltanto durante la notte. Un’idea che per il momento è rimasta nel cassetto: le porte telematiche al momento sono spente.

Blocco del traffico: chi non può circolare a Firenze

Alle regole della ztl di Firenze si affiancano poi le ordinanze anti-smog del Comune che impongono il blocco dei veicoli più inquinanti in determinati orari e in specifiche aree, ecco i divieti in sintesi:

  • Centro abitato – blocco 24 ore su 24 per Euro 0 a benzina e diesel; auto diesel Euro 1
  • ZTL – non possono accedere Euro 0, diesel Euro 1 ed Euro 2; dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 non possono entrare i diesel Euro 3 e 4
  • Viali di circonvallazione (da piazza Beccaria a piazza della Liberà e via limitrofe) – blocco diesel euro 3,4 e 5 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30
Divieto traffico firenze blocco euro 4 3 5
Un posto di blocco della polizia municipale su Lungarno Cellini

L’evoluzione: lo scudo verde

Accanto alla ztl, sta per accendersi lo scudo verde di Firenze, ossia una mappa più ampia a basse emissioni, sorvegliata da un’ottantina di telecamere per impedire l’accesso al centro abitato dei mezzi più inquinanti. L’entrata in funzione è prevista durante il 2024, ma solo per il monitoraggio dei flussi di traffico e delle tipologie di vetture che accedono alle zone urbane. L’introduzione di un eventuale pedaggio, ha fatto sapere il Comune di Firenze, potrà essere valutato solo dopo il 2026, quando il sistema tramviario fiorentino sarà concluso.

- Pubblicità -