Home Sezioni Cronaca & Politica Cosa succede dal 1 settembre 2022 per le regole Covid

Cosa succede dal 1 settembre 2022 per le regole Covid

nuove regole covid settembre 2022 mascherine cosa cambia succede

Novità per scuola, isolamento dei positivi e smart working dei lavoratori privati. A settembre scatta un ulteriore alleggerimento delle regole Covid

Dalla scuola alle norme per lo smart working fino all’isolamento dei positivi che cambia, il 1 settembre 2022 debuttano nuove regole Covid. Si tratta dell’ulteriore giro di boa per la convivenza con il virus. Le decisioni più impattanti  saranno probabilmente rimandate al nuovo governo, mentre quello uscente si limiterà soltanto a varare provvedimenti strettamente necessari per la gestione ordinaria della situazione in base all’andamento epidemiologico. Vediamo allora cosa succede dal 1 settembre 2022 sul fronte delle regole legate alla pandemia di Covid.

Quarantena e isolamento dei positivi: cosa cambia con le nuove regole a settembre 2022

L’aggiornamento delle regole per la quarantena e l’isolamento dei positivi al Covid si attendeva da tempo e con il mese di settembre 2022 entra in vigore la nuova circolare firmata dal direttore alla prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza il 31 agosto, che cambia le norme accorciando i tempi. Chi risulta positivo a un tampone ufficiale deve restare a casa almeno 5 giorni (finora erano 7) e l’isolamento potrà finire solo quando non si avranno sintoni e con un test negativo ufficiale. Continua a non essere prevista invece la quarantena per i contatti stretti di un positivo, che dovranno però indossare la mascherina Ffp2 per 10 giorni. Per i positivi, se l’infezione dal virus viene rilevata dai tamponi anche dopo 14 giorni, seppur senza sintoni, si potrà concludere l’isolamento. Fino a questo momento il periodo massimo di “quarantena” era fissato invece in 21 giorni.

Cosa succede dal 1 settembre 2022: fine dello “smart working Covid”, le regole per il lavoro a distanza

Un’altra novità, dal 1 settembre 2022, riguarda le regole per lo smart working che non sarà più quello “semplificato” applicato durante l’emergenza Covid. Per i lavoratori privati non sarà più così facile lavorare da casa: serve l’accordo individuale tra l’azienda e il dipendente per attivare il lavoro agile. Il procedimento di comunicazione al Ministero del Lavoro è più semplice rispetto al passato, perché non è necessario inviare anche la copia dell’intesa. Per i lavoratori fragili e per i genitori di figli under 14 (pure della pubblica amministrazione) in queste ore si sta lavorando invece alla proroga dello smart working.

Dal 1 settembre nuove norme Covid per la scuola e la Dad

Ecco cosa succede a scuola: sui banchi addio alle mascherine e alla Dad, con l’arrivo delle nuove regole Covid, proprio a partire dal 1 settembre 2022. Nel caso di positivi in classe, solo gli alunni che hanno contratto il virus dovranno stare in isolamento a casa fino al tampone negativo, per gli altri non scatterà la quarantena e potranno andare a scuola regolarmente. Sarà possibile frequentare le lezioni anche con sintomi lievi, come raffreddore o tosse, ma indossando la mascherina, che rimarrà anche per le persone fragili, più a rischio di sviluppare una forma grave di infezione. Qui le nuove regole Covid per la scuola. Con il nuovo anno scolastico, scompare inoltre l’obbligo vaccinale per i docenti.

Mascherine sui mezzi pubblici: le regole per settembre

Salvo un colpo di mano sulle regole Covid, l’obbligo di indossare le mascherine Ffp2 resta fino al 30 settembre 2022 sui mezzi pubblici di trasporto, come bus, metro, tram, navi e in treno (ma non in aereo dove secondo le norme non è necessario neppure il green pass). La misura infatti era contenuta nel decreto trasporti approvato lo scorso giugno e la scadenza è fissata proprio al termine del mese di settembre. Inoltre le mascherine sono obbligatorie sempre fino al 30 settembre per entrare in ospedali e strutture sanitarie.

E le mascherine sul posto di lavoro

Non cambia nulla sui posti di lavoro, dove adesso non esiste un obbligo esplicito, ma l’azienda può decidere di prevedere l’uso della mascherina per gruppi specifici di dipendenti. Le regole, stabilite dal protocollo Covid per la sicurezza sul lavoro, sono valide ben oltre settembre, fino al 31 ottobre 2022. Nonostante questo, in base all’evoluzione della situazione pandemica, non è escluso che il tavolo tecnico tra i ministeri e le parti sociali si torni a riunire prima della scadenza, per aggiornare le norme.

La quarta dose di vaccino anti-Covid, non c’è obbligo

Dal 1 settembre 2022, non cambiano le regole per la quarta dose di vaccino anti-Covid, che è raccomandata per tutti gli over 60 e i fragili, ma senza un obbligo vaccinale, né la previsione di un green pass, come succede da mesi. Il secondo richiamo booster viene somministrato a chi ha fatto la terza dose (oppure è guarito dal Covid) da almeno 4 mesi. Al momento la campagna di vaccinazione prosegue a rilento, ma un impulso potrebbe arrivare dall’arrivo – previsto a metà settembre – delle versioni “aggiornate” alle varianti Omicron del vaccino anti-Covid.

Cosa cambia dal 1 settembre: le regole Covid in sintesi

Ecco quindi le novità sulla normativa a settembre:

  • Durata dell’isolamento dei positivi ridotto a 5 giorni (se senza sintomi e con tampone negativo). Il periodo massimo di isolamento senza sintomi è di 14 giorni;
  • Fine dello smart working senza accordo individuale;
  • A scuola senza obbligo di mascherina;
  • No alla dad a scuola;
  • Nessuna quarantena per tutta la classe in caso di compagni positivi
  • vaccino aggiornato alle varianti Omicron atteso in Italia a metà settembre