lunedì, 17 Febbraio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Elezioni regionali 2020 in Toscana,...

Elezioni regionali 2020 in Toscana, la guida completa

Chi sono i candidati, quando si vota, come funziona il sistema elettorale: quello che c'è da sapere sulle elezioni regionali 2020 in Toscana

-

Le elezioni regionali in Toscana sono uno degli appuntamenti politici più attesi del 2020. Ci sono in ballo le sorti della regione, ma di certo il risultato avrà anche un peso sulle sorti della politica italiana, così com’è stato in tutte le recenti elezioni regionali. Il centrosinistra prova a difendere uno dei suoi fortini più resistenti, fin qui inespugnato. Il centrodestra cerca lo storico “ribaltone”. Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni regionali 2020 in Toscana: quando si vota, come si vota, chi sono i candidati, come funziona il sistema elettorale.

Elezioni regionali in Toscana: quando si vota

La data in cui si voterà per le elezioni regionali 2020 in Toscana non è stata ancora fissata. Sarà il Ministero dell’interno a decidere.

Ancora nulla di ufficiale, quindi. Anche se, secondo alcune indiscrezioni, la data giusta in cui recarsi alle urne per le elezioni regionali potrebbe essere quella di domenica 31 maggio 2020.

Anche nel 2015 venne scelto il 31 maggio ed è sicuro che anche in questa tornata si andrà alle urne intorno alla stessa data, nella tarda primavera. Così da consentire che si possa tornare al voto per l’eventuale ballottaggio – da tenersi due settimane più tardi – entro la metà di giugno. Di certo non la data delle elezioni regionali in Toscana non potrà essere fissata prima del 3 maggio, termine minimo fissato per legge.

L’orario delle elezioni regionali in Toscana sarà – con tutta probabilità – dalle ore 7 alle ore 23.

Elezioni regionali in Toscana, la scheda elettorale

Alle elezioni regionali 2020 si vota per eleggere il nuovo presidente della Toscana e per il rinnovo del consiglio regionale.

Gli elettori troveranno una scheda elettorale divisa in colonne. Sulla sinistra saranno indicate le liste, con l’elenco di tutti i candidati in corsa per un seggio in consiglio regionale. Di fianco, il nome del candidato presidente sostenuto da quella lista o dalla coalizione di più liste.

Le liste sono diverse a seconda delle circoscrizioni elettorali in cui è diviso il territorio toscano. Le circoscrizioni corrispondono ai territori delle province, tranne quella di Firenze che è divisa in quattro: la città (dentro i confini comunali), il Mugello-Valdisieve-Valdarno-Chianti, l’Empolese-Valdelsa, la Piana fiorentina. In totale, le circoscrizioni sono quindi 13.

Guida alle elezioni regionali Toscana 2020: come si vota

Il numero di consiglieri regionali da eleggere è 40. Tanti sono i seggi nel “parlamentino” di Palazzo Panciatichi.

Per scegliere i consiglieri regionali si possono indicare fino a due preferenze, una per un uomo e una per una donna, secondo la regola dell’alternanza di genere. Si può esprimere anche una sola preferenza. Non si possono invece esprimere due preferenze per candidati dello stesso sesso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

I nomi dei candidati sono stampati sulla scheda. Non serve quindi ricordarne il cognome e scriverlo di proprio pugno, basta barrare con una X il quadrato a fianco dei nomi dei candidati scelti.

Preferenze e voto disgiunto

Si può tracciare una “X” solo sul simbolo della lista scelta. In questo caso il voto alla lista viene automaticamente trasferito al candidato presidente sostenuto da quella lista. È possibile anche barrare soltanto il nome del candidato presidente, e in quel caso il voto non andrà a nessuno dei partiti che lo sostengono. Ovviamente è possibile barrare sia il simbolo della lista scelta che il nome del candidato sostenuto da quella lista.

La legge elettorale toscana consente anche il cosiddetto voto disgiunto. Ogni elettore può cioè votare il candidato presidente di uno schieramento e un partito di una diversa coalizione.

Elezioni Toscana 2020, chi vince

Vince le elezioni regionali della Toscana il candidato che ottiene più voti e che supera la soglia del 40% delle preferenze. Se nessun candidato presidente raccoglie almeno il 40% dei voti validi, tutto si decide con un turno di ballottaggio. Partecipano al ballottaggio i due candidati più votati. Il ballottaggio si svolge a distanza di due settimane esatte dal giorno del primo turno.

Soglie di sbarramento

Per conquistare almeno un posto in consiglio regionale i partiti devono superare diverse soglie. Il 3% dei voti validi è il limite da guadare per i partiti dentro una coalizione, che a sua volta deve andare oltre il 10%. Per i partiti che corrono da soli il tetto minimo è del 5%.

Premio di maggioranza

Chi supera il 45 per cento dei voti al primo turno si assicura un premio di maggioranza, che garantisce di avere almeno il 60 per cento dei seggi nel parlamentino toscano: in pratica 24 consiglieri su 40. Se invece le preferenze sono tra il 40 e il 45˙ per cento, il premio di maggioranza permette di arrivare al 57,5 per cento dei seggi. Tradotto: 23 consiglieri di maggioranza. È prevista anche una soglia di garanzia per le minoranze: nel caso in cui il candidato presidente venga eletto con una percentuale superiore al 65%, l’opposizione avrà comunque diritto ad almeno 14 seggi.

Nell’assegnazione dei seggi, ognuna delle 13 circoscrizioni ha diritto all’elezione di almeno un consigliere.

I candidati alle elezioni regionali in Toscana

Il centrosinistra ha scelto: è Eugenio Giani, attuale presidente del consiglio regionale, il suo candidato. Della coalizione fanno parte il Partito Democratico, Italia Viva, +Europa e “2020 a Sinistra”, lista che riunisce diverse anime di sinistra come Sinistra Italiana e Articolo 1.

Il centrodestra deve invece ancora trovare il candidato. Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia (più eventualmente altre liste) correranno insieme, ma stanno ancora ragionando sul nome dell’aspirante presidente.

Elezioni regionali Toscana 2020: i candidati presidente

Il Movimento 5 Stelle sosterrà Irene Galletti, scelta dagli attivisti con il metodo delle “regionarie” online.

Volt, il movimento europeo, ambientalista e progressista correrà da solo con Elisa Meloni candidata presidente. Il Partito Comunista sosterrà invece Salvatore Catello.

Altri candidati alle elezioni regionali 2020 in Toscana potrebbero aggiungersi nelle prossime settimane.

Elezioni in Toscana 2020: i sondaggi

Intanto iniziano a circolare le prime previsioni sull’esito della tornata elettorale. Affari Italiani ha diffuso non un sondaggio ma una prima stima basata sulle ultime europee (quindi con bassa affidabilità), realizzata dal sondaggista Alessandro Amadori, che vede alle prossime elezioni regionali in Toscana il centrosinistra in testa al 47%, il centrodestra al 44% e il Movimento 5 Stelle al 5%.

Sondaggi sulle elezioni regionali in Toscana 2020

Centrosinistra in vantaggio (e in crescita) anche secondo il sondaggio realizzato da OpiMedia e commissionato da Toscana Media Quinews. I dati elaborati nel mese di gennaio vedono la coalizione di Eugenio Giani in vantaggio con il 46% complessivo. Centrodestra al 39%. Il Pd è il primo partito davanti alla Lega, 31% contro 29%. Movimento 5 Stelle al 9%.

Ultime notizie

Incontro con Tomàs Saraceno al cinema Odeon di Firenze

Un documentario e una conversazione aperta al pubblico. Come partecipare all'incontro con l'artista e architetto argentino, protagonista della nuova grande mostra di Palazzo Strozzi

Meyer per amico: gli eventi dell’open day 2020

Cosa non perdere durante la grande festa per bambini dell’ospedale pediatrico di Firenze: magia, sport, personaggi dei cartoon e tanti laboratori. Ingresso gratuito

La bistecca alla fiorentina di Steak Home

Una particolare frollatura e un'esperienza gastronomica dedicata al mondo della ciccia. La nostra recensione su Steak Home di Corso Tintori, dove mangiare una bistecca in compagnia

Gli eventi di Many possible cities alla Manifattura Tabacchi

Arte, musica, incontri e cinema a ingresso gratuito: nell'ex complesso industriale fiorentino torna il festival dedicato al futuro delle nostre città, tra rigenerazione urbana e scelte green